Calciomercato Milan Esclusiva CalcioBlog: De Jong, scartato dall'Inter, ora vicino ai rossoneri

Wesley Sneijder lo aveva convinto: dal City all'Inter per provare a continuare a vincere con un progetto fresco, dove l'allenatore (Stramaccioni) ha grande stima del giocatore. Ma non è bastata neppure la richiesta esplicita del mister: i nerazzurri hanno rotto la trattativa con De Jong, mediano-bulldog del Manchester City, 12 ore prima di concludere per Walter Gargano che nel frattempo era stato bloccato da Branca.

Motivo? La richiesta di ingaggio di 3,5 milioni di euro, mentre con Roberto Mancini l'accordo era praticamente raggiunto per 9 milioni pagabili in due tranche annuali. Ed è qui che si è inserito il Milan appena poche ore dopo. Niente Kakà, niente sacrificio sull'ingaggio, operazione low-cost con Bojan Krkic e finalmente un centrocampista di forza per accontentare Allegri. Lo stipendio per i rossoneri è di quelli abbordabili, anche se il sì definitivo è quello di Silvio e non quello di Barbara.

Sostituto naturale di Mark Van Bommel, De Jong rappresenta l'ennesimo caso di giocatore appetito perché scarto altrui (nella stessa situazione sul mercato italiano vengono ancora proposti Afellay del Barcellona e Carroll del Liverpool, per i quali il Milan ha detto no nonostante le condizioni molto favorevoli).

Con il Manchester City si è scesi a 8 milioni, addirittura in 3 tranche. Per questo le percentuali De Jong - Milan si sono impennate: Galliani sta ancora con Allegri (ma esiste già il nome del sostituto in caso di flop già nel girone d'andata) e vuole andare fino in fondo. Senza passivi di bilancio, perché il consiglio direttivo rossonero, per la stagione 2012/13, ha parlato chiaro con tutti. Giocatori, allenatore, procuratori e amministratore delegato.

  • shares
  • Mail