Manuel Rui Costa annuncia il suo ritiro

La decisione ormai è defintiva: Manuel Rui Costa (Fotogallery) a giugno terminerà la sua onorata carriera da calciatore. Il portoghese ne ha dato l’annuncio in questi giorni sottolineando la sua soddisfazione per essere riuscito a chiudere proprio nella squadra dalla quale era partito: il suo Benfica.Il fantasista portoghese nella sua lunga carriera ha raccolto molti

La decisione ormai è defintiva: Manuel Rui Costa (Fotogallery) a giugno terminerà la sua onorata carriera da calciatore. Il portoghese ne ha dato l’annuncio in questi giorni sottolineando la sua soddisfazione per essere riuscito a chiudere proprio nella squadra dalla quale era partito: il suo Benfica.

Il fantasista portoghese nella sua lunga carriera ha raccolto molti successi. Calcisticamente è cresciuto nel Benfica, società che lo ha preso a soli 9 anni su suggerimento del grandissimo Eusebio. L’esordio tra i professionisti lo ha fatto con il Fafe, le buone prestazioni lo hanno fatto ritornare alla casa madre. Nei suoi primi anni da calciatore ha vinto un mondiale Under 20 e un campionato portoghese e una coppa di Portogallo.

Poi è arrivata la Fiorentina e i magici tempi in cui faceva coppia con Gabriel Batistuta. Nel periodo in viola ha vinto due Coppe Italia e una Supercoppa Italia. Poi il passaggio al Milan per cifra record di 85 miliardi delle vecchie lire. In rossonero ha giocato con continuità nei primi tre anni per poi lasciare spazio all’emergente Kakà.

A Milano non ha segnato tantissimo ma i tifosi rossoneri lo ricordano per lo straordinario numero di assist vincenti. In quei cinque anni ha vinto quasi tutto: una Coppa Italia e una Supercoppa Italia, un campionato, la Champions League del 2003 e una Supercoppa europea.
Poi come tutti sanno il ritorno in portogallo, al Benfica.

Nella stessa intervista rilasciata al quotidiano sportivo Record il Musagete, soprannome coniato da Pellegatti, ha comunque dichiarato che nel suo futuro c’è ancora il calcio. Ha detto di non riuscire a stare senza l’odore degli spogliatoi e quindi si vedrebbe bene in un ruolo dirigenziale, magari proprio a Lisbona.

Noi auguriamo buona fortuna a Rui Costa e lo ringraziamo per il gran calcio che in questi anni ci ha fatto vedere.

La galleria di Manuel Rui Costa

La galleria di Manuel Rui Costa
La galleria di Manuel Rui Costa
La galleria di Manuel Rui Costa
La galleria di Manuel Rui Costa
La galleria di Manuel Rui Costa
La galleria di Manuel Rui Costa
La galleria di Manuel Rui Costa
La galleria di Manuel Rui Costa
La galleria di Manuel Rui Costa
La galleria di Manuel Rui Costa
La galleria di Manuel Rui Costa
La galleria di Manuel Rui Costa