Il Chelsea prende Anelka: via libera per la cessione di Drogba?


Sono passati solo pochi mesi da quando il magnate russo Roman Abramovic ha dichiarato la sua intenzione di avviare una politica più morigerata nella gestione del Chelsea, ma è bastato un mercato estivo senza i "botti" degli anni passati per fargli tornare la voglia di spendere. Così ecco che il proprietario dei blues ha piazzato quello che resterà con tutta probabilità il "colpo più caro" del mercato di gennaio: l'attaccante francese del Bolton Nicolas Anelka acquistato per 23 mln di euro.

In realtà, ed è questo l'aspetto più interessante nell'ottica delle grandi italiane (Milan in testa), non dovremmo essere di fronte ad un acquisto sconsiderato, ma del modo migliore per cercare di non trovarsi senza una prima punta di ruolo quando a giugno Didier Drogba cercherà di mettere in pratica la sua intenzione di abbandonare Londra, come già dichiarato a mezzo stampa più di una volta.

Per quanto riguarda Anelka questa è la sua quarta occasione in carriera per fare bene e sfondare in una grande squadra, la quarta che gli capita ora che diventano otto le maglie indossate in una carriera vissuta tutta con la "valigia in mano". PSG, Arsenal, Real Madrid, Liverpool, Manchester City, Fenerbahce, Bolton e ora il Chelsea per l'umorale attaccante francese, soprannominato non a caso "The incredible sulk" (l'Incredibile imbronciato), che è riuscito a bruciare occasioni incredibili quando da ventenne veniva dipinto come il più promettente asso del calcio transalpino.

Ora a "soli 28 anni" avrà l'occasione di provare a fare nuovamente sul serio, ma da giugno si troverà a gestire l'eredità di un giocatore che con la maglia dei blues ha una media vicino ad un gol ogni due partite e capace di segnare con continuità anche nei big match e negli scontri diretti, proprio quando conta di più.

Il Milan e le altre pretendenti sono avvisate, Abramovic ha già fatto una mossa concreta per rimpiazzarlo, ora se vogliono portarsi a casa Drogba non gli resta che bussare alla porta del multimiliardario ora che pare non avere più voglia di sperperare grossi capitali nel calcio.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: