Deco: "Non gioco e non vinco, potrei andar via dal Barça"

Deco ha sempre avuto le idee chiare sin dal primo momento in cui ha messo piede nel FC Barcelona, non nascondendo mai di essere approdato in questo Club per poter provare a vincere tutto sia a livello nazionale che internazionale. Le sue aspettative sembravano essere soddisfatte nelle prime stagioni, ma da un anno a questa parte la situazione è un po' cambiata.

Dopo l'annata tragica (calcisticamente parlando) vissuta nel 2006-2007, questa stagione non è di certo iniziata nel migliore dei modi per il nazionale portoghese e per tutta la squadra; i blaugrana sono a 7 punti dal Real Madrid dei record e sarà molto arduo ribaltare la situazione attuale. In più, sotto il profilo individuale, Deco ha alternato buone partite a gare in cui il suo apporto è stato bassissimo.

E' partito in diverse occasioni dalla panchina e in altre circostanze non ha neppure assaggiato il terreno di gioco. Se si aggiunge a tutto ciò le insistenti campagne di radio, giornali e TV contro lo stesso Deco e Ronaldinho, la questione assume toni alquanto delicati. Anderson Luis de Souza "Deco" ha ammesso lui stesso che se anche quest'anno il Barça chiuderà la stagione senza aver vinto nulla si prospetterebbe una situazione difficile a livello personale oltre che per il Club.

In quel caso sarebbe opportuno un incontro con i dirigenti per discutere un'eventuale proseguimento oppure vagliare l'ipotesi di un addio.

Il n. 20 blaugrana precisa che però al momento non pensa ad un trasferimento perchè sono in palio ancora 3 titoli, ma ribadisce che se le cose non prendessero una piega differente allora ci sarà da riflettere.

Il suo obiettivo dichiarato è vincere, e vincere con il suo contributo decisivo:


se non si riesce ad aiutare la squadra a raggiungere traguardi importanti allora la naturale conseguenza è andare via.

Inter e Chelsea attendono l'evolversi della situazione.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: