Napoli - Udinese 3-1: Lavezzi Super e arriva la vittoria



Si aspettava la vendetta dell'Udinese al San Paolo dopo l'umiliazione della gara d'andata dove un bel Napoli strapazzò per 5 a 0 gli uomini di Marino al Friuli, proprio nella giornata che consacrava immediatamente un Ezequiel Lavezzi appena arrivato in Italia, ma a trovare la vittoria sono di nuovi gli azzurri e proprio grazie ad una doppietta del Pocho che trafigge due volte Handanovic. (Foto)

Pronti via è il Napoli a mostrare tutte le sue motivazioni a far bene dopo la sconfitta beffa di Cagliari: nel giro di 4 minuti colpisce due traverse e trova il gol del vantaggio grazie ad un pallone messo al centro da Lavezzi e deviato nella suo porta da Zapata. L'Udinese appare frastornata, ma alla prima sortita offensiva trova il pareggio con Pepe che con una splendida girata al volo batte Gianello.

La partita riacquista così il suo equilibrio, anzi è l'Udinese a farsi più spavalda mettendo in mostra i limiti difensivi del Napoli: la difesa azzurra cerca la costante applicazione del fuorigioco, ma i risultati non sono sempre brillanti. Pepe è un'autentica spina nel fianco e al 34esimo centra il palo. I bianconeri sembrano poter arrivare facilmente il vantaggio, ma un contropiede viene gestito da Quagliarella in maniera sciagurata, l'attaccante campano, solo davanti al portiere, appoggia per Di Natale in maniera imprecisa e la sfera si perde sul fondo.

La conferma che il Napoli soffra le percussioni centrali arriva al 36esimo: Zapata si inserisce e fugge verso la porta, Cannavaro lo stende e rimedia il rosso diretto. Le conseguenti proteste del capitano sono però gustificate, Ayroldi combina un pasticcio non da poco. Prima che la palla finisca a Zapata aveva già fischiato un fallo di Grava su Dossena non concedendo il vantaggio, quando vede l'intervento di Cannavaro (avvenuto però a gioco fermo), torna sui suoi passi.

Le squadre vanno negli spogliatoi sul pari, ma l'impressione è che l'inerzia sia tutta per gli ospiti. Il Napoli però non ci sta a perdere, anzi fedele al celebre adagio di Liedholm gestisce nel modo migliore l'inferiorità, almeno fino a quando Ayroldi non inventa un'ammonizione per simulazione di Pepe che rimette le squadre in parità numerica.

L'Udinese preme, ma al 30esimo è Lavezzi a spezzare ogni equilibrio con un destro che si infila all'angolino dopo un rimbalzo sul terreno che beffa Handanovic, il ritorno al gol dopo più di due mesi non poteva arrivare nel momento migliore per gli azzurri. Tanto più che bastano un paio di minuti e Lavezzi si ripete trovando la doppietta personale e il gol che chiude la gara: Zalayeta cade a terra al limite dell'area perdendo palla prima di poter servire el Pocho finito in fuorigioco, ma "l'assist" arriva dal piede di Colombo e il guardalinee giustamente non segnala la posizione irregolare.

Il San Paolo è in festa, il Napoli continua la sua altalenante stagione ottenendo 6 punti su 6 contro una squadra attrezzata come l'Udinese dopo averne persi altrettanti con il Cagliari. Ora però la zona Uefa non è lontana e il sogno europeo di De Laurentiis torna alla portata dei ragazzi di Reja.

La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1


La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1

La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1
La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1
La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1
La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1
La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1
La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1
La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1
La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1
La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1
La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1
La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1
La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1
La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1
La Galleria Fotografica di Napoli - Udinese 3-1

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: