Donadoni, Abete e il contratto da rinnovare

Non basta la qualificazione ottenuta staccando nella classifica del girone uno squadrone come la Francia. Non basta nemmeno la scintillante prova offerta contro il Portogallo di Cristiano Ronaldo e Nuno Maniche, in cui il giovane commissario tecnico ha dimostrato di sapersi destreggiare bene tra cosiddette prime e seconde linee, zittendo (per ora) chi lo tacciava

di antonio

Non basta la qualificazione ottenuta staccando nella classifica del girone uno squadrone come la Francia. Non basta nemmeno la scintillante prova offerta contro il Portogallo di Cristiano Ronaldo e Nuno Maniche, in cui il giovane commissario tecnico ha dimostrato di sapersi destreggiare bene tra cosiddette prime e seconde linee, zittendo (per ora) chi lo tacciava di affidarsi troppo agli esperimenti con giocatori esordienti.

Il presidente federale Abete non si sbilancia sull’accordo per il rinnovo del contratto al tecnico lombardo e perciò si profila un’attesa che potrebbe culminare con i prossimi europei di calcio. E’ filtrata la voce che l’avventura azzurra, per Donadoni, continuerà solo dopo aver raggiunto almeno le semifinali della competizione continentale in programma a giugno. E voi cosa ne pensate? E’ giusto subordinare la fiducia in Donadoni sulla base del risultato finale che conseguirà ai prossimi europei di calcio, diversamente, ad esempio, da Trapattoni che fu confermato anche dopo la sciagurata spedizione ai mondiali coreani?

I Video di Calcioblog