Roma - Reggina 2-0: ecco il riscatto dopo Siena, vittoria sofferta e importante



Tutti aspettavano la reazione: la Roma travolta sul piano del gioco, dei gol e del carattere a Siena era troppo brutta per essere vera. Una riscossa da bagnare con i 3 punti casalinghi contro la Reggina, una vittoria che non ha tardato ad arrivare, ma non scaccia tutte le ombre della trasferta toscana. Il risultato di 2 a 0 nasconde l'ottima prova dei calabresi e qualche mancanza di troppo dei giallorossi, ancora penalizzati dalla prestazione non esaltante di Totti che continua a soffrire per i problemi fisici che non smettono di tormentarlo. (Foto - Video)

Il Capitano in campo c'è comunque, è il leader naturale della squadra e se qualcuno deve stringere i denti è lui, soprattutto tenendo conto che se la velocità e il dribbling nello stretto latitano, i colpi del grande giocatore non mancano. Il primo esempio è facile facile: il suo cross teso dalla sinistra che trova Panucci sul secondo palo, bravissimo a deviare in porta da posizione impossibile, è una di quelle giocate che ti aspetti da Totti e lui non fa comunque mancare.

Nell'occasione Campagnolo non è esente da qualche responsabilità per la mancata uscita, ma l'1 a 0 non spiana la strada alla Roma come ci si potrebbe aspettare. La ripresa è al contrario segnata dalle mosse tattiche coraggiose di Ulivieri che manda in campo l'ex laziale/palermitano Makinwa prima e Nick Amoruso poi. La Reggina prende l'iniziativa e trova coraggio riuscendo anche a segnare una rete, annullata a Barreto per fuorigioco attivo di Amoruso che ostacola la visuale e il movimento di Doni.

La grande squadra, che sa soffrire nelle giornate cupe portando a casa il risultato, si vede in campo da quel momento. I tiri dalla distanza, a cui troppo spesso si affidano i centrocampisti giallorossi, fanno spazio all'iniziativa di Giuly che salta l'avversario diretto in slalom e costringe Campagnolo al miracolo sul suo conseguente tiro. L'ottima respinta non trova però pronta la difesa calabrese che si fa infilare a Mancini, bravo a sprintare anticipando l'avversario e depositando in rete a porta vuota.

La reazione che potrebbe, a questo punto imprevedibilmente, riaprire la possibilità al forcing finale della Reggina arriva pochi istanti dopo grazie a Makinwa che fugge via e scarica un destro capace di far tremare la traversa di Doni. Manca ancora una volta un pizzico di fortuna ai calabresi e il resto della gara è addormentata dalla Roma che riesce a spezzare più facilmente il gioco della Reggina ormai demotivata.

La vittoria porta i giallorossi momentaneamente a -5 dalla capolista Inter, un modo per non cedere alla tentazione della resa sperando che i nerazzurri sperimentino prima o poi quel passo falso che sembra non dover arrivare mai.


La Galleria Fotografica di Roma - Reggina 2-0


La Galleria Fotografica di Roma - Reggina 2-0

La Galleria Fotografica di Roma - Reggina 2-0
La Galleria Fotografica di Roma - Reggina 2-0
La Galleria Fotografica di Roma - Reggina 2-0
La Galleria Fotografica di Roma - Reggina 2-0
La Galleria Fotografica di Roma - Reggina 2-0
La Galleria Fotografica di Roma - Reggina 2-0
La Galleria Fotografica di Roma - Reggina 2-0
La Galleria Fotografica di Roma - Reggina 2-0
La Galleria Fotografica di Roma - Reggina 2-0
La Galleria Fotografica di Roma - Reggina 2-0

  • shares
  • Mail
3 commenti Aggiorna
Ordina: