Perù-Argentina: sassaiola su Messi e compagni

Adattando il profetico monito di una nota canzone, ieri a Lima c'è stata una chiara prova che "se sei bravo ti tirano le pietre". L'idiozia dei tifosi non conosce infatti né limiti né mezze misure e capita quindi che uno le pietre debba aspettarsele oltre che se fa male il suo dovere anche se lo fa a meraviglia. Questione di punti di vista.

La nazionale Argentina è stata infatti fatta proprio oggetto di una sassaiola conclusasi senza feriti fortunatamente, ma il pericolo c'è sicuramente stato come si può vedere dal video al fondo. Le colpe di Messi e compagni sono di essere stati troppo bravi fin ora, essendo con 13 punti in testa al loro girone sudamericano di qualificazione per i Mondiali 2014.

In un clima già incendiato anche dagli strilli del quotidiano Trome, che comandava "Schiacciate la Pulce", Messi era già stato accolto in aeroporto dalle urla "Cristiano, Cristiano", in riferimento al suo antagonista mondiale Cristiano Ronaldo. Ciò ovviamente non è riconducibile a una effettiva preferenza dei peruviani per CR7, dato che curiosamente è accaduta anche a lui la stessa sorte ma a parti invertite. Ora è "La pulce" ad essere vista come pericolo principale dal Perù e dall'allenatore Markarian, dato che si trova attualmente in un periodo di forma ad alti livelli, che lo ha portato a segnare da sei partite di fila.

A seguito della sassaiola, avvenuta mentre il bus dell'Argentina si stava recando allo stadio a fare la ricognizione del campo 24 ore prima della partita, le autorità si sono viste costrette ad aumentare le misure di sicurezza anche nell'albergo che ospita la squadra nel quartiere di San Isidoro. E' appurato che non ci sono state conseguenze fisiche né per i giocatori né per lo staff, ma si spera che ciò non porti nemmeno a timori psicologici dei capoclassifica. E se prima il bon ton avrebbe portato a tifare per i meno blasonati, grazie a questo manipolo di ignoranti, a discapito dei loro intenti, i cori degli onesti non potrà che urlare "Forza Argentina".

Foto | © TM News

  • shares
  • Mail