I disastrosi primi tempi della Juve


La Gazzetta dello Sport pochi giorni fa se n'è uscita con un'altra delle sue statistiche: dopo la classifica di febbraio che vedeva la Juventus a combattere per lo scudetto senza errori o favori arbitrali, la Rosea ha ora invece evidenziato come i bianconeri sarebbero noni a pari merito col Napoli se le partite durassero 45 minuti. Anche a Palermo la Juventus ha dato via il primo tempo agli avversari, salvo poi regalare una strepitosa ripresa ai suoi supporters. Se altre volte è andata bene, coi rosanero i nodi sono venuti implacabili al pettine.

A Udine come a Reggio, a Parma come a Cagliari, la versione double-face della Vecchia Signora può evidenziare da un lato il grande cuore di questa squadra, capace di rimontare partite che dopo la prima frazione sembravano compromesse; il rovescio della medaglia però sta nel fatto che non sempre queste rimonte appaiono possibili con beffe come quella del Barbera o del Granillo. E i 40 punti della speciale classifica sono un dato chiaramente negativo: solo 8 volte in vantaggio dopo tre quarti d'ora di gara, ben 7 volte in svantaggio, 16 volte in parità (la maggior parte delle volte 0-0).

Dal capoluogo siciliano Buffon e Del Piero, domenica scorsa, hanno evidenziato questo fatto che alla lunga suona come un vero e proprio handicap: "Buona la prestazione, ma non l'approccio alla gara e non è la prima volta; approcci del genere vanno bene per una squadra da terzo-quarto posto, non per una che ambisce al primo" ha detto il portierone, mentre il capitano ha aggiunto: "Sotto questo aspetto dobbiamo migliorare, noi patiamo un po' i rientri dalle soste, ma non deve essere una scusante: nel primo tempo potevamo fare molto di più". Concetto chiaro e conciso. Ma di chi è la colpa?

Sicuramente, in primis, il responsabile principale è Claudio Ranieri: probabilmente punta a far stancare gli avversari con un atteggiamento guardingo e speculare alle squadre che affronta, salvo poi infilarli nella ripresa con un paio di cambi azzeccati (vedi l'uso del talismano Iaquinta) e con la classe dei vari Camoranesi, Del Piero, Nedved e Trezeguet. La formuletta è facile, i rischi tanti. E col Palermo il giochino non ha funzionato: Mattia Cassani col suo eurogol ha evidenziato come la Juve non possa permettersi questo tipo di tattica.

Anche perché spesso il problema è in trasferta: quando al Marassi contro il Genoa ci ha pensato l'impensabile Grygera ha sistemare la pratica nel primo tempo, poi il match è filato via liscio come se vincere in casa dei liguri fosse facile. Il punto, e Ranieri dovrebbe saperlo, è che sui campi di provincia impostare la gara sull'aggressività fin dai primi minuti è la chiave per sperare di vincere senza patemi: aspettare gli avversari, spesso alle prese con la partita della vita, può tradire come a Reggio, in cui alla modesta Reggina fu regalato un primo tempo capitalizzato dal gol di Brienza.

Indubbiamente, poi, il problema è psicologico: questa Juve non è uno squadrone e lo si percepisce dai passaggi sbagliati di Nocerino, dalle amnesie di Grygera o dalle corse spesso a vuoto di Molinaro. Una squadra composta da molti gregari deve fin dall'inizio impostare la gara sulla corsa e sull'agonismo, dimenticando di essere la Juve. Perché quando il cronometro scorre, e di conseguenza la Juve inizia a cingere d'assedio l'aria avversaria, tutti insieme riescono a essere superiori a quasi tutti gli avversari (la vittoria al Meazza lo dimostra): pare quindi come un pizzico di superbia sia alla base di prestazioni opache nei primi 45 minuti, superbia che fa posto al cuore quando poi Trezeguet o Del Piero sgomitano per il gol del pari o della vittoria.

Insomma, domani contro il Milan è vietato iniziare molli. Anche se partite del genere, e all'Olimpico per di più, non hanno bisogno di stimoli particolari perché quelli vengono da sé. Piuttosto nel recupero di metà settimana contro il Parma e nella trasferta di Bergamo, lì si vedrà se mister Ranieri saprà impostare sin dall'inizio una squadra aggressiva e votata all'attacco.

  • shares
  • Mail
14 commenti Aggiorna
Ordina: