Marco Verratti: il momento d'oro dell'abruzzese che sta facendo impazzire Parigi

Sulle gradinate del Parco dei Principi è già stato soprannominato "Le Petit Italien", nelle tipografie francesi si stampano quotidiani stracolmi di inchiostro inneggiante Marco Verratti, il giovanissimo abruzzese arrivato a Parigi in punta di piedi (ma con una valutazione di dodici milioni di euro) e che dopo un mese ha già conquistato i tifosi del Paris Saint Germain e i compagni di squadra. Ieri sera ha fatto effetto vederlo, per primo, festeggiare con Zlatan Ibrahimovic dopo il gol su rigore dello svedese: il colosso festeggia immobile a braccia aperte, il ragazzino si aggrappa alle sue spalle e urla di felicità.

"Quando ho sentito la musica prima del fischio d'inizio mi sono tremate le gambe. Poi in campo, nessun problema. Certo ho sentito i tifosi fare dei cori per me ma non sono ancora come Zlatan..." ha detto a fine partite l'ex centrocampista del Pescara, fortissimamente voluto da Carlo Ancelotti che lo ha anche lanciato nella mischia nonostante la carta d'identità recitasse "Data di nascita: 5 novembre 1992". Cori, applausi, la stampa lo incensa: "Che godimento, impressionante tecnicamente, facilità sconcertante nel cambiare passo” per L'Equipe; Le Parisien rincara la dose: “Impressionante, pulito, preciso, prezioso”.

E l'agente Donato Di Campli commenta così a tuttomercatoweb il magic-moment del suo assistito:

"Meglio di così non poteva andare. E' felicissimo, sta vivendo un bel sogno e spero che duri a lungo. A Parigi è osannato: per loro è diventato un top player e devo dire che è stata una vera e propria emozione quando lo stadio si è messo ad urlare il suo nome. Poi, oggi, sfogliando i giornali francesi, è un piacere ed un onore leggere i giudizi: è stato valutato uno dei migliori in campo, ha preso anche tanti 8 in pagella. Conoscendolo resterà sempre così, sereno e sorridente: Marco è fatto così".

Foto | © TMNews

  • shares
  • Mail
1 commenti Aggiorna
Ordina: