Pablo Piatti: un futuro da campione!

Allo stadio Jorge Luis Hirschi di La Plata ormai non fa più notizia: quello scricciolo di 160 centimetri o poco più è Pablo Piatti, la stella della squadra. Fa niente che tra le file dell'Estudiantes ci sia anche Juan Sebastian Veron, l'idolo dei pincharratas è quel diciannovenne sgusciante che all'esordio contro il Newell siglò il gol del definitivo 2-1. La squadra biancorossa poi vinse l'Apertura (era il 2006) dopo una splendida rimonta sul Boca Juniors, tutto il mondo s'accorse di quel giovanotto che assomigliava terribilmente a Messi (video).

Poi la vittoria ai Mondiali Under 20 con l'Argentina, sulla panchina della squadra s'è passati dal Cholo Simeone a Nestor Sensini ed infine eccoci qua, con Piatti sul taccuino di tutti gli osservatori dei grandi club europei. Aguero o D'Alessandro? Crack o flop? Prova a rispondere il suo procuratore, Gustavo Goñi: "Pablo sotto l’aspetto mentale è eccellente. Pur essendo poco più che un ragazzo pensa e vive come un adulto; giocherà sicuramente in uno dei migliori club d’Europa. Ha il DNA del campione e lo dimostrerà".

Tanti sondaggi ma nessuna offerta concreta. E dall'Italia hanno chiesto informazioni la Juventus e il Napoli: "Il suo sogno, come per tutti i calciatori sudamericani, è quello di giocare in uno dei campionati europei più importanti. Ovviamente la serie A è tra questi" Ma quanto vale? "Oggi è impossibile dire per quanti milioni di euro si possa acquistare, anche perché l’Estudiantes è una squadra che valuta tutte le offerte, non assegna a priori un prezzo. Soprattutto per quei giocatori che non ha ancora intenzione di vendere, come nel caso di Piatti".

Diciannove anni compiuti lo scorso 31 marzo, 12 gol con la maglia della sua unica squadra tra i professionisti, Piatti fa già sognare migliaia di persone in Argentina. Qui sotto un video con alcune delle sue migliori giocate. Buona visione!

  • shares
  • Mail
8 commenti Aggiorna
Ordina: