Quattro giornate di squalifica per Couto e campionato quasi finito

Dopo la batosta di ieri sera ecco che Hector Cuper deve incassare anche i colpi inferti dal giudice sportivo Giampaolo Tosel. Quello che ci va peggio, come ampiamente prevedibile, è il portoghese Fernando Couto reo di aver colpito al volto con un pugno Giorgio Chiellini allo scadere del primo tempo. In totale le giornate di squalifica sono quattro, tre per la prova tv che ha immortalato l'episodio prima descritto e una per il rosso rimediato dopo il terzo gol della Juventus.

Nella sentenza del giudice sportivo si legge: "Il gesto compiuto dal calciatore parmense è stato intenzionale stante l'innaturale dinamica del movimento e l'altezza a cui veniva portato il braccio, ed è altrettanto evidente l'idoneità lesiva dell'atto per la zona colpita". Chiara dunque la sentenza ma vediamo di fare luce anche sul cartellino rosso che ha lasciato attoniti gli spettatori tv e che nemmeno i commentatori di Sky hanno saputo spiegare in diretta.

Couto è stato espulso per aver rivolto un ironico applauso all'arbitro Banti, questo è quanto si legge nel referto del giudice di gara. Come se non bastasse la pena va a intaccare anche il portafogli del portoghese che dovrà infatti versare la bellezza di 5000 euro, a tanto ammonta la sanzione pecuniaria. Squalificato per una giornata è anche il brasiliano Reginaldo, diffidato e ammonito nel corso della partita; un'ammenda di 1000 euro è stata comminata invece al capitano gialloblu Falcone.

Brutte notizie per Cuper che dovrà quindi rinunciare alla solidità del portoghese nelle prossime fondamentali partite per la lotta salvezza. Vista l'entità della squalifica Couto potrà tornare in campo solo nell'ultima giornata che il Parma giocherà contro l'Inter. Col senno di poi acquistano un senso meno minaccioso anche le parole rivolte da Chiellini al portoghese, dicendogli che non avrebbe più giocato forse voleva preannunciargli la lunga squalifica.

  • shares
  • Mail
11 commenti Aggiorna
Ordina: