Allegri litiga con Inzaghi, esplode la crisi: "Mi vuoi rubare il posto?"

Massimiliano Allegri litiga con Inzaghi e lo accusa di volergli rubare il posto.Clamoroso sviluppo nella crisi rossonera. Secondo la ricostruzione di diversi media Massimiliano Allegri avrebbe litigato (in pubblico) con Filippo Inzaghi. L'allenatore degli allievi del Milan, fino a poche settimane fa giocatore agli ordini dello stesso Allegri, è stato raggiunto al campo di allenamento dall'allenatore della prima squadra che lo avrebbe accusato di volergli "rubare il posto". Sono volati insulti e uno scontro fisico a suon di spintoni, mai visto.

Che Allegri sia sotto pressione è evidente. Inutile girarci attorno, l'allenatore non è stato mai amato dal presidente Berlusconi, costretto a fare buon viso a cattivo gioco un po' come avvenuto con Alberto Zaccheroni. Come fai a cacciare un allenatore che vince uno scudetto al primo tentativo? Il problema è che Allegri l'anno scorso non ha vinto e per di più ha avuto una partenza stagionale molto deludente. In realtà non è poi partito così male se si guarda alle esperienze precedenti, anche quelle da allenatore del Cagliari, e per di più lo ha fatto con una squadra smantellata in estate a causa delle cessioni eccellenti, avallate dalla dirigenza per motivi di bilancio.

Il clima di sfiducia è tale da aver fatto diventare la prossima gara, quella esterna con l'Udinese, una partita da "dentro o fuori" per Allegri. Evidentemente il tecnico toscano lo sa bene, così come è a conoscenze delle mire di Filippo Inzaghi per la sua panchina. L'ex attaccante è ambizioso, anche se ha assunto l'incarico di allenatore degli Allievi da poco più di un mese, e lo slogan "il Milan ai milanisti" potrebbe applicarsi perfettamente a lui. Certo è che nessuno si aspettava che Allegri si presentasse al campo di allenamento per confrontarsi apertamente con lui accusandolo di volergli rubare il posto. Questo elemento rischia di accelerare il suo esonero.

  • shares
  • Mail