Le notti di Pamela David

La maglia a righe biache e azzure dell’Argentina è sempre stata una delle mie preferite, ma nella veste (pittorica) indossata da Pamela David, raggiunge livelli inimmagibili di…fascino. Si vabbé, forse non è fascino la parola giusta, almeno non secondo l’opinione pubblica argentina che vedendo la giovane soubrette tutte le domeniche in vesti non molto più

di omino



La maglia a righe biache e azzure dell’Argentina è sempre stata una delle mie preferite, ma nella veste (pittorica) indossata da Pamela David, raggiunge livelli inimmagibili di…fascino.
Si vabbé, forse non è fascino la parola giusta, almeno non secondo l’opinione pubblica argentina che vedendo la giovane soubrette tutte le domeniche in vesti non molto più castigate di questa, non si è esentata dall’accusarla di aver “…infangato la dignità femminile.”.
Colpa della generosità con cui Pamela esibisce le sue grazie, spiega Repubblica.it e dei suoi piccanti racconti domenicali nel corso della trasmissione Noche de juegos, l’equivalente argentino delle nostre Domenica Sportiva e Controcampo.



Di sicuro non gliene fanno una colpa i responsabili di Televisión Nacional , l’emittente che manda in onda il programma e che grazie alle performance della procace opinionista, ha visto l’audience del suo programma salire a quote siderali.
A questo punto c’è da chiedersi quale tra le nostre trasmissioni pallonare, farà la prima mossa e oserà l’inosabile, esibendo anch’essa le grazie di qualche giovane donzella.
Perché, va detto, nei palinsesti sportivo-opiniostici nazionali, mancano giusto le tette al vento, per il resto, tra marchettari, ballerine e pallisti di professione, siamo già a posto.