Speciale Euro2008: Olanda, con Van Basten per ripetere la magia del 1988

Speciale Euro2008: Olanda, con Van Basten per ripetere la magia del 1988 Era il 1988, in maglia orange numero 12 c'era il centravanti più forte del mondo, Marco Van Basten che in finale contro la Russia siglò uno dei gol più belli di sempre sancendo la meritata vittoria della nazionale Olandese. Sono passati 20 anni e il cigno di Utrecht ora siede in panchina per guidare un gruppo di ragazzi alla vittoria finale. Ha sdoganato lo storico 4-3-3 del calcio totale per adottare un più solido 4-4-2, lo stesso modulo che il ct Michels tirò fuori nell'88 dopo la prima partita persa.

I tulipani nella loro storia hanno vinto il trofeo una sola volta ma hanno disputato quattro semifinali nel 2004, 2000, 1992, 1976 e un altro quarto di finale nel 1996, non hanno partecipato solo all'edizione del 1960. Fino al termine delle qualificazioni per Euro 2008, l'Olanda ha giocato 117 partite nei Campionati Europei, di queste ne ha vinte 72, pareggiate 22 e perse 23, con 241 gol realizzati e 91 subiti. Dopo l'edizione del 2004, usciti in semifinale contro il Portogallo, Dick Advocaat lascia la panchina a Marco Van Basten che fino ad allora aveva allenato solo le giovanili dell'Ajax, molti si lamentano ma la squadra colleziona 15 vittorie consecutive, filotto interrotto dall'Italia di Lippi nel 2005, 3-1 ad Amsterdam.

La strada per arrivare a Euro 2008 è stata agevole, qualificati con un turno di anticipo e purtroppo finiti secondi alle spalle della Romania a causa dell'ultima partita persa contro la Bielorussia. La squadra è giovane e ha nel suo organico molti dei campioni europei under 21 del 2006 e 2007, una politica ben precisa per mister Van Basten: "abbiamo molti giocatori con grandi qualità offensive ed è un lusso, ma la maggior parte di loro è giovane e deve maturare. Con più esperienza, potremo conquistare uno dei trofei maggiori". (Fotogallery)

In porta sono stati convocati: Edwin van der Sar (Manchester United/Ing), Maarten Stekelenburg (Ajax Amsterdam), Henk Timmer (Feyenoord Rotterdam)

Poche storie, il neo campione d'europa Van Der Sar è il baluardo difensivo anche se Stekelenburg ha giocato alcune delle partite di qualificazione ma è un po poco in confronto alla storia piena d'esperienza e successi del buon Edwin.

In difesa abbiamo: Wilfred Bouma (Aston Villa/Ing), Giovanni van Bronckhorst (Feyenoord), Tim de Cler (Feyenoord), John Heitinga (Ajax), Joris Mathijsen (Amburgo/Ger), Mario Melchiot (Wigan/Ing), Andrè Ooijer (Blackburn Rovers/Ing), Khalid Boulahrouz (Siviglia/Spa)

Boulahrouz non doveva far parte della spedizione ma l'infortunio rimediato da Babel la settimana scorsa ha costretto il ct a richiamarlo. La linea difensiva ha solo un punto cardine titolare, Joris Mathijsen, il pupillo di Van Basten guiderà la difesa che dovrebbe essere composta da Melchiot a destra, Oijer al centro e Bouma a sinistra ma non è detto visto che Van Bronckhorst ha esperienza internazionale da vendere e Heitinga è sempre uno dei migliori giovani europei.

A centrocampo: Ibrahim Afellay (Psv Eindhoven), Orlando Engelaar (Twente), Nigel de Jong (Amburgo/Ger), Arjen Robben (Real Madrid/Spa), Wesley Sneijder (Real Madrid/Spa), Rafael van der Vaart (Amburgo), Demy de Zeeuw (Az Alkmaar)

Manca Clarence Seedorf che di comune accordo con federazione e ct non ha voluto partecipare, causa alcuni screzi con il mister. Un centrocampo che al centro è tutta qualità: Sneijder e Van der Vaart, i giovani talenti, compagni nel passato con la casacca dell'Ajax, saranno il motore e la fantasia della squadra, ma attenzione a Van Bronckhorst che durante le qualificazioni ha giocato addirittura come mediano centrale. Sulle fasce dovrebbero essere confermati Robben e il giovane de Zeeuw, classe '83, che proverà a farla da padrone.

In attacco: Klaas-Jan Huntelaar (Ajax), Dirk Kuijt (Liverpool/Ing), Ruud van Nistelrooy (Real Madrid/Spa), Robin van Persie (Arsenal/Ing), Jan Vennegoor of Hesselink (Celtic/Sco)

Il giusto mezzo tra vecchi lupi d'area e giovani affamati. Questo reparto ha un'unica certezza, Ruud Van Nistelrooy che dovrebbe essere affiancato da Dirk Kuijt visto che Van Persie sta recuperando da un infortunio e non è ancora al 100%. Staremo a vedere la bocca di fuoco di quest'Olanda non sembra avere le polveri bagnate.

Il gruppo C è nettamente il più difficile del torneo, Olanda, Francia, Italia e Romania dovranno lottare fino all'ultimo sangue per vedere la luce dei quarti. La prima partita per gli orange sarà contro i campioni del mondo il 9 giugno per poi passare alla Francia il 13 ed infine la Romania il 17. Sicuramente il calendario non è agevole ma potrebbero esserci sorprese e magari i ragazzi si giocheranno la qualificazione proprio all'ultima giornata cercando anche di vendicare la sconfitta subita lungo la strada per l'europeo.

Gruppo C: Olanda - Italia - Romania - Francia

Olanda - 1 Edwin van der Sar 2 Andrè Ooijer 3 John Heitinga 4 Joris Mathijsen 5 Giovanni van Bronckhorst 6 Demy de Zeeuw 7 Robin van Persie 8 Orlando Engelaar 9 Ruud van Nistelrooy 10 Wesley Sneijder 11 Arjen Robben 12 Mario Melchiot 13 Henk Timmer 14 Wilfred Bouma 15 Tim de Cler 16 Maarten Stekelenburg 17 Nigel de Jong 18 Dirk Kuijt 19 Klaas-Jan Huntelaar 20 Ibrahim Afellay 21 Khalid Boulahrouz 22 Jan Vennegoor of Hesselink 23 Rafael van der Vaart Ct: Marco Van Basten




I 23 dell\'Olanda

























  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: