Fuori uno: il Chelsea riceve il "no" di Ancelotti... e spunta Spalletti


Al cuor non si comanda: Carletto Ancelotti ha detto "no" a Roman Abramovich e ai suoi milioni e giura fedeltà al Milan; fumata nera ieri a Londra e neanche l'offerta di più di 7 milioni all'anno ha fatto vacillare l'allenatore di Reggiolo che già aveva rassicurato Galliani sulla sua permanenza nel capoluogo lombardo. I bookmakers inglesi si sono visti così costretti a cambiare le quote inerenti al prossimo trainer del Chelsea, visto e considerato che anche un altro candidato si è tagliato fuori: Mark Hughes è il nuovo allenatore del Manchester City, un altro papabile che esce di scena.

Chi rimane dunque? Dato a 3,5 c'è Felipe Scolari, impegnato col suo Portogallo nei prossimi Europei e sinceramente allettato dalla prospettiva di guidare i blues ma solo dopo aver metabolizzato l'esperienza lusitana; poco più dietro non si sfalda l'ipotesi Rijkaard e quella di Mancini, tanto più ora che la panchina del City ha trovato un suo padrone. Non sembra remota neanche l'idea Laudrup, ottimo condottiero del Getafe quest'anno ma forse un po' inesperto, mentre appaiono impossibili ormai le candidature di Deschamps e di Lippi. Ma dall'Inghilterra balza prepotentemente in campo un nome nuovo e tutto italiano: quello di Luciano Spalletti.

Daily Stars e Daily Telegraph lo mettono in cima tra i possibili nuovi allenatori del Chelsea: al magnate russo è piaciuto il gioco della Roma e la sua stagione in generale e con il tecnico di Certaldo è più probabile anche l'arrivo di Aquilani per sostituire Lampard. La lingua inglese è uno scoglio che pare possa superare senza difficoltà e i soldi freschi della Russia potranno alla fine essere l'ago della bilancia che propenderà verso questa incredibile decisione. Spalletti al Chelsea? Staremo a vedere...

  • shares
  • Mail
13 commenti Aggiorna
Ordina: