Milan, il mercato gioca tra le punte

Milan, il mercato gioca tra le punte

Il Milan continua la sua ricerca, un'altra punta è la priorità, finalmente però l'amministratore delegato rossonero ha svelato in maniera "ufficiale" i nomi dei giocatori seguiti. Mister Ancelotti ha nella sua personale lista Samuel Eto'o al primo posto, poi via via tutti gli altri e proprio ieri c'è stato il contatto, permesso dal Barcellona, tra il procuratore del camerunense, Jose Maria Mesalles, Adriano Galliani e naturalmente il console milanista per la Spagna, Ernesto Bronzetti. In contemporanea però c'è stata l'offerta del Chelsea, 10 milioni di ingaggio se il numero nove vestirà blues.

"In effetti ci sono trattative in corso, ma il Milan è al completo. Se arriverà un big partirà Paloschi, altrimenti giocheremo con questi quattro (Borriello, Inzaghi, Pato oltre Paloschi, ndr). I nomi sono quelli: Eto’o, Drogba, Adebayor, Gomez e Berbatov. Vanno bene tutti, più o meno sono questi 5-6"

C'è da registrare l'ira dell'Arsenal per Adebayor considerato incedibile. L'interesse del Milan è forte e secondo le indiscrezioni la società avrebbe contattato il giocatore senza il nulla osta, necessario per poter trattare, della società londinese. Il discorso Drogba è sempre più difficile, Keyon e Galliani hanno ammesso l'incontro e l'interesdel club di Abramovich per Carlo Ancelotti, che ha gentilmente rifiutato. Ma proprio questo no ha fatto congelare le trattative tra i due club, naturalmente senza un allenatore come si può organizzare una campagna acquisti mirata? Per Gomez e Berbatov le trattative sono molto più blande ma il gigante tedesco è in vantaggio rispetto al bulgaro perchè avrà a disposizione l'intero europeo per dimostrare il suo valore, magari la maglia numero nove della Germania gli porterà fortuna.

Intanto per Luca Antonini si avvicina sempre più il tanto sperato ritorno a "casa". Galliani ha ammesso che il club sta cercando un accordo con l'Empoli, per risolvere la comproprietà, così da avere il sostituto di Jankulovski sulla sinistra. Ricordiamo però che il giocatore, classe '82, è un jolly non solo in difesa ma anche a centrocampo, ha rivestito infatti nella sua carriera i ruoli di esterno sulla mediana e in difesa sia a destra che a sinistra.

Piccola polemica con il ct della seleçao Dunga che avrebbe dichiarato: "Ricardo salterà le due partite di qualificazione per Sud Africa 2010. Kakà tornerà nella Seleçao quando il suo club sarà più generoso con noi". Ma l'a.d. rossonero risponde sicuro: "Mi sembra una tempesta in bicchiere d'acqua. Non voglio entrare in polemica con Dunga, ma il Milan non c'entra in questa vicenda. L'operazione è stata decisa dal professor Runco, medico della nazionale brasiliana, così come la rieducazione viene fatta dal fisioterapista della Seleçao". I problemi tra nazionali e club non finiranno mai.

I tifosi del Milan rimangono trepidanti alla finestra. Per recuperare il gap con l'Inter c'è davvero bisogno di una punta di valore per creare un attacco incredibile e assortito con Kakà e Pato.

  • shares
  • Mail
7 commenti Aggiorna
Ordina: