Parma, altra fumata nera.

Sanz Nulla di fatto. Neanche oggi. A quanto pare il Parma FC rischia di fare la fine della bella Cecilia che tutti la vonno e nessuna la piglia. Sembra che tutti e tre (!) i pretendenti abbiano chiesto uno slittamento dei termini di presentazione delle offerte che scadevano ieri alle 18; e così tra Lorenzo Sanz, Gaetano Valenza e Tommaso Ghirardi per ora la spunta… Guido Angiolini! Ancora una settimana (si spera…) di amministrazione targata Parmalat e un livello di esasperazione nei tifosi che ormai tocca vette altissime ove si pensi che era l’agosto del 2005 (poco meno di dieci mesi fa) quando Lorenzo Sanz sbandierò al mondo di essere il nuovo padrone del Parma FC. Come no?
E’ passata un’intera stagione col povero Mario Beretta sulla graticola a tentare di salvare una squadra che viveva in un clima di assoluta incertezza, e ora che l’ha salvata alla grande i tifosi chiedono solo una cosa: un futuro, un padrone, in una parola una società. Invece ci sarà da attendere ancora un po’ per il lieto (speriamo) fine, anche se ormai demoralizzato e disilluso il popolo parmigiano non ci crede quasi più.

L’unica certezza venuta dalla giornata ieri è che Sebastien Frey non vestirà più la maglia crociata: come si ventilava da giorni, Cinquini ha perfezionato il trasferimento del portiere alla Fiorentina a titolo definitivo per una cifra, si dice, di cinque milioni e mezzo di euro. Ossigeno per le casse esangui del club ducale che grazie a questi denari può pensare di effettuare qualche manovra anche in entrata, ma sempre vincolata al possibile, plausibile, sperabile passaggio di proprietà. Con la mancata convocazione di Daniele Bonera e Marco Marchionni (e di Ibrahima Camara per la Costa d’Avorio) per i Mondiali a suggellare un lunedì nero per i colori crociati. Proprio dopo una bella domenica di festa.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: