Euro2008, anche la Francia ha paura del "biscotto"

Euro2008, anche la Francia ha paura del \"biscotto\"

"A pensar male degli altri si fa peccato, ma spesso si indovina". Questa è una famosa frase di Giulio Andreotti ed anche in questo momento è perfetta, dopo la larga vittoria dell'Olanda sulla Francia, la paura di tutti è che gli oranje non giochino al meglio nell'ultima partita di questo girone di ferro. Un certo grado di appagamento sarebbe normale ma garantirebbe alla Romania il passaggio del turno e alle due grandi sconfitte il biglietto per tornare a casa. (Sondaggio)

Benché il "pensar male" e i "biscotti" sono cliché tipicamente italiani anche i francesi ora fanno lo stesso. Infatti è proprio uno dei suoi uomini di punta, Thierry Henry, a parlare della partita persa e delle paure future:

"L'Olanda ha giocato come contro l'Italia, ci hanno colpito in contropiede. Io però penso che non abbiamo giocato male, sull'1-0 c'era pure un rigore per noi, per il fallo di mano di Ooijer. L'arbitro però non l'ha visto. Ora bisognerà battere l'Italia, sperando che l'Olanda giochi una partita vera e non vinca la Romania"

Anche Domenech ha le stesse speranze:

"Sarà la nostra piccola finale, ma a complicare le cose a entrambe ci sarà che l'Olanda farà turnover contro la Romania. Il nostro destino dipende dagli altri purtroppo"

Mai come in questo momento il destino e la situazione di due grandi squadre è analogo. Dopo ieri sera, stessi punti (1), stessi gol fatti (1) e subiti (4), la speranza che l'Olanda non tradisca le aspettative e soprattutto i problemi con l'arbitro. Se Donadoni e Abete si sono lamentati e aspettano chiarimenti dall'Uefa, così come ha fatto per il gol di Van Nistelrooy, anche il ct francese polemizza con l'arbitro:

"Siamo venuti meno in quello che dovrebbe essere il nostro punto forte, ovvero la nostra solidità difensiva. E, come in attacco, abbiamo problemi di efficacia. Tra il portiere avversario, la mancanza di realismo, l'arbitraggio, ci è sempre mancato qualcosa. È certo che se l'arbitro avesse fischiato il rigore all'inizio del secondo tempo, sarebbe stata meno dura per noi. Ma comunque non cerco alibi"

Martedì ci sarà la riedizione della finale mondiale, nei pronostici poteva essere una passerella d'onore con entrambe le squadre già qualificate per i quarti e invece le ritroviamo ultime e senza il potere di avere il proprio destino in mano. Si pensa sempre che le popolazioni nord europee siano più propense alla correttezza ma dopo Danimarca-Svezia di quattro anni fa non ci sono più certezze e secondo voi, cosa faranno i ragazzi di Marco Van Basten?

  • shares
  • Mail
34 commenti Aggiorna
Ordina: