Olanda - Romania 2-0: Huntelaar e Van Persie, gli Oranje non fanno sconti



Niente "biscotto", nonostante la definizione fosse decisamente impropria e nulla avesse a che vedere con il famoso 2 a 2 fra Danimarca e Svezia che ci mandò a casa nel 2004, ma soprattutto niente sconti: l'Olanda ottiene il terzo successo in tre partite in questi Europei, gioca senza lasciare nulla al caso e si ritrova di fronte una Romania incapace di gestire la gara nonostante la grande occasione di passare il turno e lasciare al palo Italia e Francia. (Foto - Video)

Pensare che i margini per qualche sospetto e qualche malignità Van Basten li aveva dati alla vittimistica italia pallonara schierando la bellezza di 9 giocatori diversi rispetto all'ultima gara, quella stravinta contro la Francia di Domenech. La verità è che gli Oranje giocano in scioltezza, anche con quella inevitabile tensione al minimo che ci si aspetta, ma la Romania non è in grado di approfittarne, ancora una volta legata al suo modo fondamentalmente conservativo e sparagnino di giocare partite così importanti dopo aver conquistato alla grande il diritto di partecipare alla fase finale dell'Europeo.

Nel primo tempo Robben spreca da ottima posizione mentre Codrea non approfitta di una clamorosa disattenzione di Engelaar, una delle tante riserve schierate da Van Basten. Le emozioni latitano e l'unico brivido arriva a metà della prima frazione quando anche a Berna giunge la notizia della rete di Pirlo su calcio di rigore e della contemporanea espulsione di Abidal. A quel punto i rumeni sanno che difficilmente potranno passare il turno con un pareggio.

L'effetto di questa presa di coscienza non è per nulla positivo sull'impatto alla gara di Mutu e compagni, al contrario. L'Olanda continua a macinare gioco, ancora più indisturbata e mal contrastata che nel primo tempo. Il gol è nell'aria e puntualissimo arriva al 54esimo: cross dalla sinistra, Engelaar manca l'impatto con il pallone, ottimo velo di Robben che smarca Huntelaar, per l'attaccante dell'Ajax è un gioco da ragazzi depositare in rete.

Il gol del "Cacciatore" gela definitivamente la Romania, apparsa impotente e consapevole dell'impossibilità di segnare due volte a quest'Olanda per guadagnarsi la qualificazione. Da quel momento in avanti non succede sostanzialmente nulla e Stekelenburg, in porta al posto di Van Der Sar, può godersi un secondo tempo di sostanziale riposo.

Quando a 3 dalla fine anche Van Persie timbra il cartellino calciando alle spalle di Lobont un pallone che ballava in area di rigore cala definitivamente il sipario su una sfida che sulla carta i rumeni avrebbero dovuto fare facilmente loro contro un'Olanda demotivata ed imbottite di riserve.

La grande occasione sciupata dalla Romania diventa una chance per l'Italia, battere la Spagna per ritrovare (con tutta probabilità) nuovamente gli olandesi in semifinale, c'è un 3 a 0 che ancora brucia...


La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0


La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0

La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0
La Galleria Fotografica di Olanda - Romania 2-0

  • shares
  • Mail
9 commenti Aggiorna
Ordina: