Vi piace il probabile ritorno all'antico della Nazionale?

Sembra ormai certo il ritorno di Lippi sulla panchina azzurra. La scelta della Federazione di riaffidarsi al tecnico viareggino, in realtà, era presa in seria considerazione già da molte settimane e ben prima dell'eliminazione dall'Europeo. C'è chi avanza seri dubbi sull'utilità dell'operazione e la ritiene una sorta di minestra riscaldata e chi invece indica Lippi come l'unico selezionatore in circolazione in grado di riportare in auge la nazionale italiana. (clicca per i sondaggi)

Ancor più numerosi i pensieri controversi che ha suscitato la soffiata, transitata di testata in testata per tutto il giorno, della probabile ricomparsa in azzurro dei due calciatori romani, Totti e Nesta. La domanda nasce spontanea: ma perché non puntare dritto all'inserimento di qualche nome nuovo di buona prospettiva e con stimoli, oltre ai già sperimentati Aquilani e Chiellini (e perché no Montolivo, forse ingiustamente scartato prima dell'Europeo)? Parliamo di Giovinco, Giuseppe Rossi, De Silvestri, Coda, Santacroce, Pazzini, Marchisio, Palladino, e aspettando la definitiva maturazione di Balotelli...insomma, la nuova linfa per ripartire non manca a patto però di non cadere nell'italico pregiudizio che reputa i giovani di ogni settore come "poco pronti" per grandi palcoscenici (Spagna e Russia in questo europeo stanno dimostrando l'esatto contrario).

  • shares
  • Mail
54 commenti Aggiorna
Ordina: