Vieri si presenta per la terza volta a Bergamo: i tifosi non ci stanno

Detto, fatto: i tifosi della Dea proprio non vogliono il Vieri-tris e in quel di Zingonia ieri hanno manifestato tutto il loro disappunto per l’arrivo di Bobone nazionale a Bergamo. Lui, però, in conferenza stampa mostra pacatezza e la giusta dose di tranquillità, gli ultras orobici lo aspettano fuori e fanno un po’ di parapiglia,


Detto, fatto: i tifosi della Dea proprio non vogliono il Vieri-tris e in quel di Zingonia ieri hanno manifestato tutto il loro disappunto per l’arrivo di Bobone nazionale a Bergamo. Lui, però, in conferenza stampa mostra pacatezza e la giusta dose di tranquillità, gli ultras orobici lo aspettano fuori e fanno un po’ di parapiglia, per fortuna senza conseguenze di rilievo. Christian Vieri (Fotogallery) è stato prima lanciato definitivamente dall’Atalanta, quindi ripreso due anni fa dopo la disastrosa esperienza milanese-monegasca: lui deve tanto alla famiglia Ruggeri, ma ai tifosi non è piaciuta quell’esultanza sfrenata dopo il suo gol in Fiorentina-Atalanta di l’anno scorso.

Quando ho segnato all’Atalanta neanche mi sono reso conto chi fosse l’avversario. Avevo solo voglia di esultare perché era da tre mesi che mi allenavo senza giocare e quello era il mio primo gol con la Fiorentina, tutto qui

Dice bene, Bobone. Ma andatelo a dire ai tifosi che di Atalanta sono pazzi che si sono visti abbandonare per due volte. Ma la sfida non preoccupa l’ex bomber della Nazionale, che si dice in forma e voglioso di fare bene:

E’ da 5-6 anni che non mi sentivo così bene, mi diverto ancora e sono tornato per aiutare l’Atalanta a salvarsi. Col tempo spero però di riuscire a ricostruire il rapporto con i tifosi dell’Atalanta, con voglia di fare bene e magari i gol. Quanti? Non importa, mi basta stare bene e dare il mio contributo

Per il momento però sono fumogeni, urla, la sua auto accerchiata e striscioni esplicativi: “Chi sputa dove mangia non può essere un campione, questa maglia per te deve essere un onore, Vieri rispetto!“. Alla fine però ha vinto il ds Osti e la scommessa è di quelle delicate: se Vieri dovesse effettivamente risultare in forma e determinante per la squadra, un occhio si può pure chiudere sul suo passato da girovago senza scrupoli. Ma se fosse un flop, per lui potrebbe essere finita la carriera calcistica, almeno in Italia.

Il mio contratto? Non so come sia, io ho firmato e poi ho lasciato fare

Ha infine chiosato Bobo, che pare abbia firmato in bianco. E che chiude tutta questa faccenda con un semplice: “Esagerati!“. Il campo potrà dargli ragione. In bocca al lupo per l’ennesima volta.