Chievo: esonerato Di Carlo, al suo posto arriva Corini

Il Chievo ha rimosso dal suo incarico Mimmo Di Carlo, fatale per lui la sconfitta di Palermo, al suo posto arriva Eugenio Corini.

Dopo la sconfitta di Palermo il futuro di Mimmo Di Carlo era apparso subito molto in bilico, il presidente Campedelli aveva lasciato lo stadio dei rosanero senza rilasciare nessun commento per poi fare il punto della situazione con il suo ds Sartori. Ora arriva l’ufficialità del suo esonero, fatali per lui le cinque sconfitte in questo inizio di campionato, i gialloblu in pratica hanno sempre perso tranne che nella partita d’esordio in cui riuscirono ad avere la meglio sul Bologna. Al suo posto arriva Eugenio Corini, un passato da ex calciatore gialloblu, e qualche esperienza poco fortunata da allenatore.

La notizia è stata comunicata direttamente dal club attraverso il suo sito ufficiale, poche righe per annunciare l’esonero, ringraziare Di Carlo e il suo staff per le tre ottime stagioni passate al Chievo, intervallate da un anno alla Sampdoria, e per annunciare il nome del sostituto che sarà presentato questo pomeriggio alle 17:30 con un conferenza stampa nella Sala Marco Polo del Parc Hotel di Peschiera. Nella scorsa stagione Di Carlo era riuscito a portare il Chievo al decimo posto con 49 punti, nelle due precedenti annate era riuscito comunque a raggiungere la salvezza con relativa tranquillità.

Eugenio Corini ha iniziato la sua breve carriera da allenatore sulla panchina del Portogruaro, esperienza durata pochi giorni visto che presentò subito le dimissioni. Poi è stato scelto dal Crotone, ma anche in quel caso le cose non sono andate benissimo, infatti fu esonerato dopo una sconfitta contro il Sassuolo. Nel 2011/2012 ha seduto per un anno sulla panchina del Frosinone concludendo ottavo e rescindendo consensualmente il contratto a fine stagione. Ora la prima chiamata su una panchina di Serie A, vedremo come se la caverà.

Foto | © TMNews

I Video di Blogo

Video, Olbia-Monza, Berlusconi ai tifosi: “Scusate, vi devo salutare perché devo andare a [email protected]