Moratti rinuncia a Lampard: "Trattativa chiusa"


Il presidente dell'Inter, Massimo Moratti, ha confermato, in un'intervista rilasciata ai microfoni di Sky Sport e riportata oggi dalla Gazzetta Dello Sport, che la trattativa per l'acquisto del centrocampista del Chelsea, Frankie Lampard, è definitivamente naufragata. Il patron nerazzurro ha comunque espresso parole di apprezzamento nei confronti del giocatore inglese, dichiarando:

Se sono rimasto deluso dal suo atteggiamento? No, l'ho trovato molto serio, perchè voleva venir via, lo so di certo, lo faceva con molta ansia e si è fermato per fatti familiari. Per suo padre, al quale è molto legato, al suo ambiente. Quindi non è riuscito a creare quella rottura che si aspettavano loro e speravamo anche noi, Mourinho per primo, ma che sapevamo era difficile capitasse. Quindi abbiamo pensato a un giocatore che per età, ingaggio, potesse essere un giocatore molto buono: a me va bene sia arrivato Muntari.



Per quanto riguarda invece Dejan Stankovic, dato durante le ultime settimane per partente in direzione Juventus, Moratti si considera quasi certo della sua permanenza in maglia nerazzurra; parole di elogio poi per il nuovo tecnico, José Mourinho, del quale ha dichiarato:

L'ho conosciuto a metà aprile, dopo quella situazione capitata con Mancini, ma anche prima avevo simpatia per lui. Per qualcuno un certo atteggiamento può sembrare antipatico e rude, per qualcun altro una sfida per valorizzare il lavoro suo e della squadra. Lo vedevo come uno che difendeva i giocatori, con il Chelsea mi aveva colpito. Certo è che in un ambiente come l'Italia se l'è cavata bene mediaticamente, adesso deve cavarsela bene anche calcisticamente.

Infine, a proposito delle rivali per lo scudetto:

Il Milan credo che quest'anno abbia soprattutto la fiducia. La Roma è fortissima, deve ripetere il campionato dell'anno scorso che è stato eccezionale, e la Juve è tutto carattere. Però in questo momento il Milan è in vantaggio perchè ha un gioco conosciuto. Ronaldinho? Mi intriga meno di una volta e il fatto che adesso sia del Milan mi intriga molto poco.

  • shares
  • Mail