Zenit San Pietroburgo – Milan 2-3, risultato finale. Emanuelson ed El Shaarawy, poi pareggio con Hulk e Shirokov. Autorete nel finale di Hubocan.

La diretta di Zenit San Pietroburgo – Milan, decisiva trasferta in Champions League per i rossoneri contro la squadra di Spalletti a caccia di una vittoria.

di

Il video con i gol e gli highlights di Zenit – Milan 2-3.

90’+4 – Finita!!! Il Milan vince a San Pietroburgo!!! Successo per i rossoneri in russia, partita incredibile. I rossoneri vincono 3-2. Nel primo tempo vantaggio con Emanuelson (punizione deviata), poi gol capolavoro di El Sharaawy che prosegue la sua striscia positiva. Lo Zenit reagisce con veemenza, Abbiati è straordinario e tiene in piedi la squadra con le sue parate, ma deve arrendersi ad Hulk e poi a Shirokov in apertura di ripresa. Sul 2-2 il Milan si riorganizza e trova un autogol di Hubocan che vale la vittoria, preziosissima.



90′ – 4 di recupero. Lo Zenit attacca, ma non i russi non sono più molto lucidi.

84′ – Brutto fallo di Yepes su Hulk, giallo per lui.

82′ – MAMMA MIA!! CHE PARATA DI ABBIATI!!! Eccezionale il portiere del Milan sul tiro di Anyukov, una bomba dal limite dell’area, mano aperta e palla in angolo!

80′ – Allegri si copre, fuori Boateng, dentro Yepes.

79′ – Il Milan ha ripreso le misure allo zenit ritrovando il vantaggio grazie alla seconda “deviazione” fortunata della serata.

75′ – GOOOOOOLLLL!!!! AUTORETE DI HUBOCAN!!! Montolivo mette in mezzo per Pazzini che tocca quanto basta per ingannare Hubocan che mette goffamente alle spalle di Malafeev!!! Milan che torna in vantaggio.

74′ – Fabio Capello osserva il match dalla tribuna, in campo una delle sue ex squadre e tanti dei suoi giocatori nel suo nuovo ruolo di Ct della nazionale Russa.

72′ – Cambio Zenit, dentro Zyryanov fuori Bystrov.

71′ – Colpo di testa di Pazzini, palla fuori.

69′ – Giallo per Hubocan, entrata troppo energica su Pazzini.

65′ – Il Milan sembra aver ripreso le misure, anche grazie ai due cambi. Finale apertissimo.

63′ – Altra sostituzione Milan, Allegri cerca di dare più forza al centrocampo: fuori Emanuelson, dentro Nocerino.

62′ – I russi stanno dominando, anche se non riescono a produrre occasioni con la stessa continuità del finale del primo tempo.

58′ – Piccolo inconveniente tecnico, la rete della porta di Abbiati ha un buco. Ci si attrezza per ripararla.

54′ – I rossoneri, tenuti in piedi da Abbiati con almeno 6 parate non facili, stanno cedendo sotto i colpi di uno Zenit che non si è arreso. Il Milan di fatto è sparito dal campo.

51′ – Cambio nel Milan, fuori Bojan dentro Pazzini. Il catalano era partito bene, come tutta la squadra, poi è sparito.

48′ – GOOOOLLLL!!! SHIROKOV!!! LO ZENIT PAREGGIA!!! Inizio shock del secondo tempo, calcio d’angolo, stavolta Abbiati non esce per tempo e arriva il gol su colpo di testa.

45′ – Si riparte, nessun cambio. Il Milan deve cambiare atteggiamento, dopo i due gol sono state troppe le occasioni per lo Zenit.

Zenit – Milan 1-2: La diretta del primo tempo

46′ – GOOOL!!! HULK! LO ZENIT RIAPRE LA PARTITA!! Proprio sull’ultima occasione del primo tempo il brasiliano ha la palla giusta per battere Abbiati, posizione al limite del fuorigioco, comunque lo Zenit meritava di rientrare nel match viste le tante occasioni successive allo 0-2 del Milan.

40′ – MIRACOLO DI ABBIATI!!! ANCORA LUI!!! Punizione di Hulk appena fuori dall’area, una bomba terrificante che il portiere del Milan respinge con una mano. Che prestazione!!!

38′ – Spinta di El Shaarawy, punizione dal limite, giallo per il giocatore del Milan.

36′ – Ancora un’occasione per lo Zenit, il Milan soffre sulle palle inattive. Punizione di Hulk, Hubocan prolunga e Abbiati deve esibirsi in un’altra bella parata.



35′ – Ammonito Bonera, fallo su Hulk che prova ad usare la sua forza fisica per liberarsi.

33′ – Hulk mette alla prova i riflessi di Abbiati e guadagna l’angolo, sul tiro dalla bandierina il colpo di testa di Shirokov è insidioso, ma il portiere rossonero è in gran forma e con un guizzo blocca sulla linea.

32′ – Boateng prova a sorprendere Malafeev con un tiro sul primo palo, il portiere russo trattiene in due tempi.

31′ – Rischio per il Milan, cross di Hulk, ancora una volta è un compagno di squadra a mettere alla prova Abbiati: Antonini respinge goffamente, il portiere è pronto.

28′ – Dopo l’inizio veemente del Milan lo Zenit prova a rimettersi in carreggiata, il Milan tiene bene, anche se in questa fase non riesce a partire in contropiede con frequenza.

23′ – Lo Zenit prova una reazione, Abbiati salva, grandissima parata su deviazione di Montolivo che rischia l’autogol.

20′ – Rigore richiesto dal Milan, Bojan entra in area e viene affrontato da un difensore dello Zenit, sposta la palla e viene colpito. La massima punizione poteva starci, l’arbitro tedesco non se la sente.

18′ – Grande partenza del Milan, Zenit frastornato. Prima la deviazione fortunata, poi il gol magnifico di El Shaarawy, partita in discesa per i rossoneri.

16′ – GOOOOOOOOOOOLLLLL!!!! IL MILAN RADDOPPIA!!! EL SHAARAWY!!!! Capolavoro del Piccolo Faraone!!! Percussione del 19enne rossonero che parte dalla fascia, si fuma tre avversari e calcia battendo Malafeev. Che gol ragazzi!!!

12′ – GOOOOOOOLLLL!!!! MILAN IN VANTAGGIO!!! EMANUELSON!!! L’olandese calcia la punizione e trova una deviazione della barriera che beffa Malafeev. Un po’ di fortuna, che non guasta.

11′ – Ammonito Fayzulin, fallo su Emanuelson che aveva provato una fuga centrale. Punizione dai 30 metri.

8′ – Bystrov si libera al tiro, destro che finisce alto. Primo tiro dello Zenit.

7′ – Milan molto sicuro di sé in questa fase iniziale, doppio calcio d’angolo guadagnato dai rossoneri. Russi intimoriti.

6′ – Lo Zenit non ha una manovra fluida, il Milan è pronto a contendergli il pallone per ripartire.

5′ – Prima occasione Milan. Percussione di El Shaarawy sulla sinistra, entra in area e suggerisce per Bojan, immediata girata che Malafeev respinge con una gran parata. L’azione prosegue ma a quel punto El Shaarawy si ritrova in fuorigioco.

4′ – Ritmi lenti, le squadre si studiano.

1′ – Partiti.

Eccoci pronti per il live di Zenit – Milan, nelle formazioni ufficiali ci sono poche modifiche rispetto a quanto pronosticato alla vigilia. Nello Zenit c’è Witsel, che ha recuperato dal piccolo problema fisico, nel Milan invece c’è Bojan nel 4-2-fantasia di Allegri sostenuto da El Shaarawy, Boateng ed Emauelson. Montolivo e De Jong i due mediani a sostegno.

Le probabili formazioni di Zenit – Milan

Zenit: Malafeev, Anyukov, Hubocan, Lombaerts, Criscito, Fayzulin, Shirokov, Witsel, Bystrov, Hulk, Kerzhakov. All. Spalletti

Milan: Abbiati, Abate, Bonera, Zapata, Antonini, De Jong, Boateng, Montolivo, Emanuelson, Bojan, El Shaarawy. All. Allegri

Partita cruciale. La trasferta russa del Milan è fondamentale non solo per i rossoneri. Lo Zenit San Pietroburgo, che ha piazzato due colpi di mercato folli (Hulk e Witsel) spendendo praticamente solo per i cartellini 80 milioni di euro, roba fuori mercato, è in difficoltà. Dopo 10 giornate è al settimo posto, 5 vittorie, 3 pareggi e 2 sconfitte, -5 dall’Anzhi capolista. Nelle ultime tre giornate sono arrivati solo 2 punti, 2 giocatori, Denisov e Kerzhakov, sono stati messi ai margini per gli attriti nati dopo i due nuovi acquisti che godono di un trattamento economico decisamente superiore ai senatori dello spogliatoio.

Come se non bastasse la netta sconfitta di Malaga nella prima gara del girone di Champions ha messo a nudo, anche di fronte all’Europa, la crisi di una squadra che rischia di inciampare proprio nel momento in cui ha investito per provare a fare il salto di qualità. Spalletti si trova una squadra praticamente dimezzata e spaccata al suo interno, perdere contro il Milan in casa significherebbe pregiudicare la qualificazione agli ottavi e vedersi esplodere definitivamente il giocattolo fra le mani.

Dall’altra parte Allegri non se la passa molto meglio, la vittoria contro il Cagliari nel turno infrasettimanale non ha risolto i problemi di una rosa che punta ad una rifondazione forzata (per ragioni economiche) e il pareggio di Parma ha reso evidente che la strada per arrivare ad una continuità di risultati è ancora lunga. Il derby con l’Inter è alle porte, ma dopo il pari con l’Anderlecht a San Pietroburgo bisogna andare a vincere (o almeno a non perdere) per evitare di rendere davvero in salita il percorso in un girone sulla carta alla portata del Milan, anche quello senza Ibra e Thiago Silva.

La partita verrà giocata con il consueto orario “anticipato” per via del fuso orario, ore 18.00, con tutte le tv in collegamento dalla Russia: Sky, Mediaset Premium, ma anche Italia 1. Massima visibilità, nonostante sia più l’ora dell’aperitivo che quello della classica sfida di Champions League.

Il Milan si aggrappa ad El Shaarawy, il piccolo faraone è l’unica nota veramente positiva di questo inizio di stagione. Segna da tre gare consecutive, sembra essersi definitivamente sbloccato, e a 19 anni cerca la consacrazione anche in Europa in una trasferta non semplice.

Per quanto riguarda le formazioni dicevamo di uno Zenit decimato, non solo i due ammutinati Denisov e Kerzhakov (lui ha più di qualche possibilità di giocare, in realtà), ma anche il belga Witsel per infortunio, il fantasista Danny, Semak e Zhevnov. Allegri, invece, inizia a recuperare qualche acciaccato, ma potrebbe essere colto dalla tentazione di tenere a riposo qualche elemento in vista del derby.

Le probabili formazioni di Zenit – Milan

Zenit: Malafeev, Anyukov, Hubocan, Lombaerts, Criscito, Fayzulin, Shirokov, Zyrianov, Bystrov, Hulk, Kerzhakov. All. Spalletti

Milan: Abbiati, Abate, Bonera, Mexes, Antonini, Nocerino, Ambrosini, Montolivo, Robinho, Pazzini, El Shaarawy. All. Allegri

Foto | © TM News

Ultime notizie su Champions League

Tutto su Champions League →