Trofeo L. Berlusconi: torna Milan-Juve

Il Milan festeggia il successo nel Trofeo Berlusconi

Questa sera alla Scala del Calcio, lo stadio Giuseppe Meazza di Milano, sarà inscenato il diciottesimo atto del trofeo Luigi Berlusconi, intitolato alla memoria del padre del patron del Milan. Sarà l'esordio dei rossoneri davanti al proprio pubblico e come, da tradizione, l'avversario avrà i colori bianconeri della Juventus.

Fatta eccezione per le prime edizioni in cui, ospiti del Milan, abbiamo ammirato anche Inter, Bayern Monaco, Real Madrid, dal 1995 è solo Milan-Juve, sfida che aveva anche inaugurato la prima edizione, nel 1991 (2-1 per i torinesi con doppietta di Casiraghi e il temporaneo pareggio di capitan Maldini).

Certo, siamo al 17 agosto ma non parlate di amichevole ai due allenatori. Claudio Ranieri, ebbro di gioia per il ritorno di una bella e tonica Juve in Champions League sa che quando c'è Milan-Juve non si può mai parlare di amichevole. D'altro canto, Carlo Ancelotti, dopo le cinque sberle prese dal Chelsea, in mezzo ad altre sconfitte, ha già sentenziato che "le amichevoli sono finite".

La sfida tra la squadra più di titolata al mondo, per numero di trofei internazionali, e la società più blasonata d'Italia, non è mai scontata nè banale. Ranieri dovrebbe rinunciare in avvio a David Trezeguet, a cui verrà preferito Amauri. Dalla panchina dovrebbe partire anche capitan Del Piero, apparso già in forma campionato.

In casa rossonera, oltre agli assenti noti, Ancelotti dovrà fare a meno anche di Kaladze, almeno inizialmente e così dovrebbe schierare un tandem centrale difensivo inedito e lasciatemelo dire, alquanto preoccupante: Bonera-Favalli. Sarà un test importante per l'ex terzino di Cremonese, Lazio e Inter, perchè dopo il brusco stop nella trattativa per portare a Milano Ivanovic, Favalli potrebbe essere un'alternativa come centrale difensivo.

Poco Brasile per i padroni di casa, con Pato e Ronaldinho in Cina, Kakà rotto e Dida che lascerà nuovamente il posto a Christian Abbiati, con la sensazione che, se dovessere fare una buona prestazione anche stasera, il posto da titolare sarà il suo.

Otto i successi bianconeri
nel trofeo (a fronte però di 14 partecipazioni), nove le vittorie rossonere, tra cui le ultime tre consecutive. L'anno scorso fini con un secco 2-0 per il Milan, griffato da una doppietta di Pippo Inzaghi, che dovrebbe fare il suo esordio proprio oggi, dal primo minuto, come unica punta.

Le probabili formazioni:

MILAN (4-4-1-1) Abbiati, Zambrotta, Bonera, Favalli, Jankulovski; Gattuso, Flamini, Pirlo, Ambrosini; Seedorf; Inzaghi
JUVENTUS (4-4-2) Buffon; Zebina, Mellberg, Chiellini, Molinaro; Salihamidzic, Sissoko, Ekdal, Nedved; Amauri, Iaquinta

  • shares
  • Mail
41 commenti Aggiorna
Ordina: