Shevchenko torna rossonero: questione di ore

Galeotta fu la Sardegna e l’incontro tra il Silvio Berlusconi e Roman Abramovich: venerdì scorso, Ferragosto, il numero uno del Consiglio dei Ministri italiano nonché presidente del Milan ha incontrato il magnate russo Roman Abramovich e dopo i saluti di rito il primo s’è fatto sotto chiedendo al secondo notizie sul suo “figlio” adottivo, l’ucraino


Galeotta fu la Sardegna e l’incontro tra il Silvio Berlusconi e Roman Abramovich: venerdì scorso, Ferragosto, il numero uno del Consiglio dei Ministri italiano nonché presidente del Milan ha incontrato il magnate russo Roman Abramovich e dopo i saluti di rito il primo s’è fatto sotto chiedendo al secondo notizie sul suo “figlio” adottivo, l’ucraino Andriy Shevchenko, capace di segnare 173 gol in poco meno di 300 partite con la maglia del Milan in sette memorabili stagioni.

Il russo, patron del Chelsea, all’inizio ha nicchiato, poi s’è mostrato possibilista. Il giorno dopo i Blues di Scolari hanno esordito in Premier League contro il Portsmouth e nel netto 4-0 rifilato ai Pompeys di Sheva nemmeno l’ombra, nemmeno la panchina. Quindi sono partite le telefonate, asse Milano-Londra, il giorno del Trofeo Luigi Berlusconi: linee libere e dialogo imbastito. Il prestito è quanto chiedevano i dirigenti di via Turati, una cessione a titolo definitivo i vertici del Chelsea: pare l’abbiano spuntata i primi, con Sheva che non solo arriverà in prestito sui Navigli ma a cui verrà pagata una parte dello stipendio dagli stessi londinesi.

Anche l’ex Pallone d’Oro preferiva una soluzione definitiva, ma in confronto alle più o meno recenti umiliazioni fatte di non convocazioni o di stagnazioni in panchina, il ritorno a San Siro è per lui un toccasana, benché non gli mancherà la concorrenza coi brasiliani, oltre ai nostrani Inzaghi, Borriello e Paloschi. Non c’è poi da trascurare la questione che potremmo definire da “figliol prodigo“: saranno i tifosi del Diavolo in grado di perdonare la pecorella smarrita o si legheranno al dito quell’addio improvviso dettato anche dalle smanie londinesi della moglie?

Nel frattempo fateci sapere cosa ne pensate nel nostro sondaggio.