Sgominata la Banda dei Rolex che derubava i tifosi dell’Inter

E’ noto come i tifosi partenopei siano tra i più appassionati e fedeli ai colori della loro squadra. Ma evidentemente, c’è chi è disposto anche a tradire la propria fede per truffare il prossimo. E’ notizia di questi giorni che la Squadra Mobile di Milano ha sgominato una banda organizzata che, ad ogni partita casalinga

di



E’ noto come i tifosi partenopei siano tra i più appassionati e fedeli ai colori della loro squadra. Ma evidentemente, c’è chi è disposto anche a tradire la propria fede per truffare il prossimo. E’ notizia di questi giorni che la Squadra Mobile di Milano ha sgominato una banda organizzata che, ad ogni partita casalinga dell’Inter si presentava a S. Siro in motorino, con la maglia neroazzurra per derubare i tifosi di casa di preziosi da polso, Rolex in primis.

La “Banda dei Rolex” era composta da Ciro Forte, 59 anni, considerato il capo della banda, Pasquale Cigliano e Gennaro Avoletto, di 43 e 23 anni, che individuavano il bersaglio ed eseguivano materialmente la rapina, Francesco Cicchini e Giuseppe Tarantino, di 39 e 31 anni, che intervenivano in caso di una reazione della vittima, non esitando a puntarle una pistola alla tempia. Hanno tutti precedenti penali.

La tecnica principale consisteva nell’approfittare della confusione dei tifosi nerazzurri, mischiandosi con gli altri motociclisti diretti allo stadio, sempre col volto coperto dal casco. Il primo scooter urtava e spostava lo specchietto di un’auto, il secondo sfilava l’orologio dal polso del guidatore intento a risistemarlo.

Secondo gli investigatori, il giro di “affari” consisteva in decine di migliaia di euro grazie al mercato nero. Decine i colpi accertati ma non si esclude che la Banda abbia agito anche in altre occasioni extra-calcistiche in tutto il Nord Italia.

Via | 02 Blog