Olimpiadi, calcio femminile: Usa d'oro, continua la maledizione brasiliana


Non bastava l'umiliazione dei colleghi di sesso maschile, schiacciati miserevolmente 3-0 in semifinale dall'Argentina: oggi hanno fatto disperare una nazione intera, appassionata com'è di calcio, anche le donne verdeoro che non sono riuscite ad imporsi contro gli Stati Uniti. Se nelle competizioni FIFA il Brasile è pentacampeão, nella più che centenaria storia delle Olimpiadi moderne non è mai riuscita a conquistare un oro, sia nel calcio maschile che in quello femminile. Con l'ultimo atto consumatosi oggi.

Dopo una partita particolarmente intensa ma finita nei 90 minuti a reti inviolate, nei tempi supplementari il risultato s'è sbloccato grazie alla rete della statunitense Carli Lloyd. E' bastata questa marcatura per consegnare alle brasiliane un "misero" argento, con le calciatrici americane ancora sul gradino più alto del podio dopo l'oro conquistato ad Atene. Al fischio finale una valle di lacrime, con le atlete in singhiozzi per diversi minuti, finanche sul podio olimpico. La scena, pare, ha intenerito persino Joseph Blatter.

E così la maledizione olimpica continua sul Brasile; le scene di desolazione a cui si è assistito oggi non sono neanche minimamente paragonabili a quelle del 1950, quando la nazionale brasiliana perse in finale il mondiale casalingo contro l'Uruguay, ma comunque dopo il flop do Ronaldinho e soci molti s'aspettavano la consolazione dalla Seleçao femminile. Per la cronaca il bronzo è andato alla Germania, capace di sconfiggere 2-0 il Giappone nella finalina di consolazione.

  • shares
  • Mail
2 commenti Aggiorna
Ordina: