Napoli in Uefa, oggi il sorteggio

Festa grande ieri sera al San Paolo dove il Napoli ha ufficialmente staccato il biglietto per la prossima edizione della Coppa Uefa: dopo lo 0-3 rifilato al Villaznia in Albania, tutto facile a Fuorigrotta dove gli azzurri hanno stracciato i poveri avversari per 5-0. Protagonista inatteso lo stopper Leandro Rinaudo, autore di una bella doppietta,

Festa grande ieri sera al San Paolo dove il Napoli ha ufficialmente staccato il biglietto per la prossima edizione della Coppa Uefa: dopo lo 0-3 rifilato al Villaznia in Albania, tutto facile a Fuorigrotta dove gli azzurri hanno stracciato i poveri avversari per 5-0. Protagonista inatteso lo stopper Leandro Rinaudo, autore di una bella doppietta, ma si conferma in forma anche Ignacio Pià, autore del 2-0 tra le due realizzazioni del difensore; Zalayeta, al rientro ufficiale dopo gli infortuni della scorsa stagione, è apparso poco lucido lì avanti, in compenso i 30mila del San Paolo hanno potuto festeggiare anche i gol di Lavezzi e Hamsik (quest’ultimo messo avanti la porta sguarnita da Denis).

Queste le parole del Pocho Ezequiel Lavezzi, fresco oro alle Olimpiadi con la sua Argentina: “Sono molto contento. La squadra ha fatto bene, abbiamo fatto una grande partita. Il nostro obiettivo era riportare il Napoli in Europa e ci siamo riusciti. Tatuaggio dell’oro olimpico? Non l’ho ancora fatto“. Il Napoli dopo 14 anni torna così in una competizione europea: oggi saprà l’avversaria del primo turno di Coppa Uefa, lo scontro diretto a eliminazione secca prima degli otto girone da 5 squadre. Nelle urne di Montecarlo la squadra di Reja, a differenza delle altre italiane, non è inserita tra le teste di serie, un motivo di moderata preoccupazione nel clan partenopeo.

Al termine della gara di ieri, il presidente Aurelio de Laurentiis ne ha anche approfittato per parlare del caso Domizzi, il difensore del Napoli ormai separato in casa e che non trova una sistemazione per la stagione ormai al via: “Sul caso Domizzi voglio dire a tutti che non intendo svenderlo. Il giocatore è cresciuto negli ultimi anni con noi e non lo posso vendere al prezzo al quale l’ho acquistato, piuttosto preferisco tenerlo fuori e pagargli lo stipendio. Devo dire quindi a tutte le società interessate che è inutile aspettare l’ultimo momento perché non mi muovo dalle mie intenzioni, qua nessuno è fesso“. Una piccola nota stonata, nell’ennesima serata felice di Napoli.

Ultime notizie su Europa League

Tutto su Europa League →