Milan, accordo raggiunto Mr. Bee: al thailandese il 48% del club. Comunicato ufficiale

Bee Taechaubol è vicino a mettere le mani sul club rossonero, il thailandese sarà socio di minoranza.

Cruva Milan, San Siro

19:55 - Come anticipato l'ufficializzazione dell'accordo tra Silvio Berlusconi e il thailandese Bee Taechaubol è arrivata. Il Milan ha pubblicato un comunicato ufficiale con il quale rende noti i dettagli dell'intesa. Ai nuovi soci andrà il 48% del pacchetto azionario, mentre alla famiglia Berlusconi rimarrà il restante 52%. Si parla di un accordo che prevede una trattativa di otto settimane per costruire un "grande e ambizioso progetto economico e sportivo" capace di riportare i rossoneri ai vertici del calcio mondiale. In questo lasso di tempo verrà quindi esaminata la proposta di accordo che prevede la ripartizione delle quote societarie come specificato in precedenza. L'obbiettivo di questa partnership è quello della "valorizzazione e commercializzazione del brand Milan" con particolare attenzione ai paesi asiatici.

Di seguito il testo completo del comunicato pubblicato sul sito ufficiale dei rossoneri

Il presidente Silvio Berlusconi ha approvato l'accordo firmato dall'amministratore delegato di Fininvest Pasquale Cannatelli e Mr. Bee Taechaubol che prevede di trattare in esclusiva per un periodo di otto settimane un rapporto di collaborazione relativo all'Ac Milan.

In questo periodo Silvio Berlusconi, che continuerà ad essere presidente, e Mr. Taechaubol lavoreranno per costruire insieme un grande ed ambizioso progetto economico e sportivo per riportare il Milan ai massimi livelli del calcio italiano ed internazionale che gli competono per storia, prestigio e risultati.

In questo quadro, l'ipotesi di accordo, che verrà dettagliatamente esaminata, prevede che il controllo del club rimanga nelle mani del presidente Silvio Berlusconi e della Fininvest, cui farà capo una quota di maggioranza assoluta pari al 52%. Il consorzio rappresentato da Mr. Taechaubol acquisira' invece una quota di minoranza pari al 48%.

L'ipotesi di accordo ha come obiettivo la valorizzazione e la commercializzazione del brand Milan in particolare nei Paesi asiatici, al fine di ottenere un forte impulso dei ricavi e di conseguenza quelle risorse finanziarie indispensabili per riportare, grazie a un progetto tecnico e sportivo estremamente incisivo, il Milan a competere con i proncipali club del calcio mondiale.

Milan, vicino l'accordo con Mr. Bee: Berlusconi pronto a cedere il 47%

Quella di oggi potrebbe essere una giornata storica per il Milan, Silvio Berlusconi è a un passo dal cedere parte del club ad un socio esterno. Si tratta del thailandese Bee Taechaubol che da tempo sta provando la scalata alla società rossonera. Il broker asiatico è arrivato a Milano ieri pomeriggio e con un vero e proprio blitz ha chiesto di incontrare ieri sera ad Arcore Silvio Berlusconi, che a sua volta ha convocato tutti i suoi uomini di fiducia per intavolare la trattativa. In passato Berlusconi era stato abbastanza chiaro sulla volontà di non cedere il pacchetto di maggioranza del club, ma potrebbe essersi convinto a cedere il 47% delle azioni per una cifra che sfiora i 500 milioni di euro.

Oggi pomeriggio l'ormai conosciuto Mr. Bee ha incontrato nuovamente l'ex premier, con lui c'erano anche le figlie Barbara, amministratore delegato del Milan, e Marina, presidente Fininvest. Una svolta "ufficiale" è attesa nelle prossime ore, ma secondo alcune fonti l'accordo è ormai vicino. Bee Taechaubol rileverebbe una quota di minoranza del club per poi poter diventare socio di maggioranza nei prossimi 12-18 mesi, con un'uscita soft della famiglia Berlusconi dal Milan dopo 29 anni caratterizzati da tantissimi trionfi in Italia e nel mondo tanto da far diventare il club rossonero uno dei più vincenti della storia del calcio.

La delegazione thailandese ha lasciato Villa San Martino ad Arcore poco dopo le 17, a quanto pare con un accordo fra le mani. Restano da capire i dettagli dell'intesa, prima di tutto quali sono le condizioni che Berlusconi è riuscito a strappare per mantenere il controllo della maggioranza della società, seppure per un periodo di tempo limitato. Un altro aspetto importante riguarda il peso che avranno i capitali cinesi e la banca del Golfo nell'affare, se è vero come sembra che saranno al fianco di Taechaubol nella società che rileverà le quote azionarie rossonere. Pare comunque che dopo l'Inter anche il Milan sia pronto a guardare verso l'estremo oriente e dalla prossima stagione il derby della Madonnina sarà anche un derby tra Thailandia e Indonesia.

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail