Cosmi: ancora polemico dopo Juventus – Siena

A seguito dell’allontanamento dal campo, l’allenatore Serse Cosmi è stato sanzionato con una settimana di stop. Ma l’abruzzese è polemico.

Quella contro la Juventus nell’ultima sfida di campionato è una partita che continua a non andare proprio giù a Serse Cosmi . Dopo il commento a caldo rispetto alla mancata espulsione per seconda ammonizione, meritata a suo dire da Chiellini, ora il tecnico del Siena contesta anche la decisione di un turno di stop a seguito del suo allontanamento dal campo, deciso dal direttore di gara.

Anche per questa circostanza, come quella di Chiellini, quella di Cosmi sembra più una crociata di principi. Se in merito all’episodio contro la Juventus aveva ammesso che un evento del genere per le piccole è importante, in questo caso la recriminazione per la sua sanzione riguarda invece un diverso metro di giudizio applicato nei suoi confronti rispetto agli altri allenatori.

L’allenatore abruzzese avrebbe infatti dichiarato nel corso del programma Rai Mattina Sport: “La mia squalifica? Altri allenatori hanno avuto lo stesso atteggiamento domenica e non hanno ricevuto nessuna sanzione. Si usano due pesi e due misure e questo dispiace”. Su questo aspetto Cosmi potrebbe anche aver ragione, ma non tanto nel fatto che si usino due pesi e due misure, ma piuttosto sul fatto che questa non è una materia rigidamente regolamentata dall’Aia. Come infatti faceva già notare Nicchi rispetto alla situazione Allegri-Valeri verificatasi nel derby, le decisioni sono talmente varie che recriminarle a posteriori è un meccanismo difficilmente applicabile. Nel caso di Allegri, ad esempio, lo stesso Nicchi ammetteva che Valeri avrebbe potuto anche cacciarlo dopo 3 minuti. Ciò per dire che quella che si verifica in campo tra arbitro e allenatore è un delicato rapporto che va curato con razionalità.

In merito all’episodio specifico di Cosmi, sembra che il direttore di gara abbia allontanato il tecnico per aver proferito un’espressione blasfema e per aver ritardato l’uscita dal recinto di gioco dopo la decisione del suo allontanamento. Questo anche il motivo della sua sanzione.

Non si sa a quali altri esempi identici faccia riferimento Serse Cosmi, ma in linea di massima è sconsigliato sempre fare una guerra nei confronti di chi deve fare da giudice, di una gara come di un processo. Difficilmente si può sperare di uscirne avvantaggiati.

Foto | © TM News