Calcioscommesse, il capo delle polizia Manganelli annuncia: "Presto novità clamorose"

Scottanti novità sul fronte calcioscommesse. Oggi il prefetto Antonio Manganelli, capo della Polizia Italiana, ha partecipato ad una conferenza stampa per presentare l'assemblea mondiale dell'Interpol che si terrà a Roma dal 5 all'8 novembre prossimo. In questa occasione ha parlato anche del fenomeno del calcioscommesse che sta tenendo impegnate tante procurare in giro per l'Italia, e di conseguenza anche tanti poliziotti e carabinieri, da almeno due anni e mezzo. Manganelli ha annunciato che la vicenda non è chiusa, e che ci dovremo presto aspettare altre clamorose novità.

«Alcune cose scorrette sono venute fuori, altre stanno per venire fuori e porteranno a ulteriori risposte. Se possibile ancora più clamorose... C'è stata una massiccia attività contro diverse organizzazioni responsabili di scommesse clandestine e ci sono tantissime indagini in corso nel mondo, con migliaia di arresti soprattutto nel sud est asiatico

Manganelli ha anche parlato di 'nuove' tipologie di scommesse, che non riguardano solo risultati o il numero dei gol, utilizzate da qualche giocatore (e organizzazione criminale) per arricchirsi alla spalle dei tifosi e di tutto il movimento.

«Non parliamo di calcio truccato tout court, non si scommette sul risultato finale di una partita ma sul fatto che un giocatore butti la palla fuori, si scommette su chi tirerà il primo calcio d'angolo o si chi toccherà per primo la palla con la testa. È possibile capitalizzare denaro importante anche così».

Foto | © Getty Images

  • shares
  • Mail