Juve – Napoli è già cominciata: polemiche e allusioni dai ritiri delle Nazionali

Mancano più di cinque giorni a Juve – Napoli ma sembra che il big-match di sabato prossimo sia già cominciato: nella settimana delle partite delle Nazionali squalifiche, infortuni e permessi, alcuni giocatori delle due squadre hanno evitato il doppio impegno.

Metà ottobre, tempo di sosta dei campionati, il palcoscenico se lo prendono tutto le Nazionali; può accadere però che dopo le due settimane di stop per i club si ricominci subito un big-match come quello tra Juve e Napoli e allora sono 13 giorni di polemiche, allusioni, accuse, facili ironie e chi più ne ha più ne metta. Perché va bene difendere i colori del proprio Paese, ma il conto in banca lo rimpingua il presidente della squadra di club e un infortunio in giro per il Mondo (come successo a Hernandez del Palermo che dal ritiro dell’Uruguay è tornato a Palermo con una prognosi di 6 mesi per un crociato saltato) pesa come mille macigni. E forse di più. Perciò via al festival dei trucchi e delle magagne per arrivare alle ore 18 di sabato 20 ottobre in perfetta forma. Appuntamento allo Juventus Stadium.

Si comincia da Edinson Cavani che ha usufruito di due giorni di riposo aggiuntivi nel ritiro dell’Uruguay (e che contro l’Argentina è stato marcato, “con un occhio di riguardo“, dal compagno Hugo Campagnaro); quindi Goran Pandev che ammonito con la maglia della Macedonia, è diffidato, è tornato anzitempo a Castelvolturno. Il Napoli poi ha chiesto e ottenuto uno “sconto” per Juan Camilo Zuniga impegnato con la Colombia: va bene le qualificazioni Mondiali, meglio preservarlo per l’amichevole contro il Camerun, anche il laterale ha fatto ritorno in Campania anzitempo. A pensar male… Ma anche la Juve “non è stata a guardare“: dal Cile arriva la notizia del rosso di Arturo Vidal in Nazionale, in più “sospetta” bega alla caviglia per Kwadwo Asamoah e forfait nell’amichevole del suo Ghana contro il Malawi.

Ma i malpensanti hanno guardato con ironia anche al comportamento degli Azzurri in Nazionale: contro l’Armenia, addirittura, da Napoli si è mugugnato per la sostituzione di Andrea Pirlo a 12 minuti dalla fine, mentre in queste ore tiene banco l’affaticamento muscolare di Gianluigi Buffon (associato a quello di Sebastian Giovinco, entrambi si sono allenati a parte), come riportato dal professor Castellacci: se il numero uno dell’Italia non dovesse farcela, spazio a Morgan De Sanctis, estremo difensore proprio del Napoli. Storcere il naso non è mai stato così facile; ma il bianconero non ci sta: “Se adesso si ferma anche De Sanctis? Ragioniamo volando più alti rispetto a queste allusioni” ha asserito un po’ seccato Buffon a Sky. Ma intanto proprio Castellacci precisa che se non dovesse farcela per la gara contro la Danimarca, per sabato sicuramente sta bene. Per la serie: Juve – Napoli è già cominciata. Altroché se lo è.

Foto | © Getty Images