Chevanton: “Guadagno 900 euro al mese, ma la gente mi vuole bene”

Ernesto Chevanton e il ritorno al Lecce in Lega Pro: “L’affetto della gente conta più dei soldi”.

di antonio

Ernesto Chevanton riabbraccia la sua Lecce. L’attaccante uruguaiano non è stato certamente baciato dalla dea bendata in questi ultimi anni. Chevanton ha cambiato sei maglie di club nella sua carriera da professionista, ma è sempre tornato in Salento, la sua seconda patria. L’ultimo ritorno è il più romantico: il 27 luglio 2011 firmò per gli argentini del Colón, ma a causa del grave infortunio riportato al tendine d’Achille, decise di rescindere il contratto con il club argentino dopo solo pochi mesi con 15 partite disputate e 6 gol segnati in campionato.

Il 9 luglio 2012 è diventato un giocatore del Lecce (nel frattempo retrocesso in Lega Pro per il calcioscommesse) per la terza volta, diventando il primo giocatore nella storia a firmare un contratto a tempo indeterminato. Il nuovo presidente dei salentini Antonio Tesoro dichiarò che “Cheva avrà un contratto a tempo indeterminato, e resterà finché ci saremo noi, anche in vesti differenti“. Come un figlio, uno di famiglia, insomma.

Il giocatore, visibilmente emozionato, rispose commosso: “Mi avete fatto piangere. Ringrazio la famiglia Tesoro per avermi fatto tornare a casa, sono felice. Quando sono andato in Argentina avevo anche pensato di lasciare il calcio, ora mi sento fortunato perché amo questa terra. Ora sono infortunato, ho avuto un problema al tendine, ma sto già lavorando e partirò per il ritiro“.

Chevanton ha nuovamente calcato il prato del “Via del Mare” nella partita Lecce-Virtus Entella (4-2), subentrando nei minuti finali. “Guadagno il minimo federale? Si è vero, ma il mio vero stipendio è l’affetto della gente e non il denaro – afferma Chevanton – Per me il loro amore nei confronti è la cosa più importante. Io ho un grande rispetto per la Curva Nord: so che mi vogliono bene. Sabato i miei compagni mi volevano in campo ma credetemi, io volevo solo la vittoria del Lecce. Il mio obiettivo è quello di portare il Lecce in Serie B e subito dopo riconquistare la Serie A. Dobbiamo tornare tutti insieme nel campionato che ci compete, questo è poco ma sicuro“.

Foto | © Getty Images