Milan, Mihajlovic ammette: "Se facciamo schifo, giusto esonerarmi"

E' un Sinisa Mihajlovic come al solito combattivo quello che si presenta in conferenza il giorno della vigilia di Milan-Juventus, anticipo della 32.a giornata di Serie A, in programma sabato 9 aprile.

Tanti i temi toccati dal tecnico serbo, dai meriti della Juve ("E' un esempio per tutti"), alla possibile conferma di Balotelli ("Se avrà la possibilità di giocare deve sfruttarla al massimo"), dal probabile esordio del giovane Locatelli al posto dell'infortunato Montolivo ("E' un giovane di grande prospettiva") fino a quello che ormai è diventato il tema dominante in ogni occasione di incontro con i cronisti, ovvero le indiscrezioni su un esonero probabile a fine stagione ma possibile anche prima della fine del campionato e della finale di Coppa Italia.

Ancora una volta, Mihajlovic conferma che il proprio futuro è legato inevitabilmente ai risultati. Stavolta però si spinge oltre e ammette che l'addio al Milan può concretizzarsi anche subito

Come tutti i tecnici sono giudicato dal lavoro e dai risultati. E' giusto che sia così, il responsabile é l'allenatore, se la squadra non fa quel che dovrebbe e potrebbe, é colpa di chi la guida. Se nelle prossime otto partite faremo schifo, ovviamente pagherò io. I conti si faranno alla fine, se si arriva alla fine

mihajlovic-dichiarazioni-milan-juventus.jpg

Nonostante le dichiarazioni concilianti di Galliani presente oggi con la squadra a Milanello, sono insistenti le indiscrezioni di stampa su una possibile sostituzione immediata di Mihajlovic in caso di sconfitta pesante contro la Juventus, scenario tutt'altro che impronosticabile viste le recenti prestazioni dei rossoneri.

L'impressione è che quella di domani sera contro i bianconeri è quasi un'ultima spiaggia per il serbo. Dovesse fallirne l'approdo, Brocchi è già pronto a sostituire Mihajlovic cui non resta che auto incitarsi

In gare così o tremano i polsi o si gonfia il petto. Io ho sempre gonfiato il petto...

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail