Milan, Calhanoglu: "Contro la Roma gara fondamentale"

Domani alle ore 18 a San Siro si giocherà uno dei big match di questa Serie A tra Milan e Roma. Per parlare della sfida 'Il Messaggero' ha intervistato Hakan Calhanoglu, nuovo centrocampista rossonero arrivato in Italia nel corso dell'estate. Il calciatore tedesco di nascita e turco di nazionalità ha parlato della sfida e di questi suoi primi mesi al Milan: "La Roma l'ho già affrontata in Champions, ha grandi qualità. Sarà una bellissima partita, cercheremo di giocarla ad armi pari. Come fermare Dzeko? Edin è un giocatore molto forte, pericoloso ed è molto intelligente. Io ho fiducia nei miei compagni di difesa: Bonucci, Musacchio, Zapata, Romagnoli, Paletta. Di tutti. Certo, sappiamo che non sarà facile, ma faremo del nostro meglio. La numero 10? Hai sempre tutti gli occhi puntati addosso,bisogna spesso fare qualcosa in più e questo mi rende orgoglioso. Tutte le grandi vogliono a dare in Europa. Non c’è solo il Milan o la Roma, ma anche Juventus, Napoli, Inter e Lazio. Per noi era molto importante vincere in Europa League, così da arrivare a giocarcela contro la Roma con un risultato positivo e consolidare il primato nel girone. Quella di domani sarà una gara fondamentale per la nostra stagione. Ogni vittoria ci dà fiducia".

Fino a questo momento la sua esperienza milanista la considera positiva. Le sconfitte contro Lazio e Sampdoria non sono piaciute neanche allo spogliatoio rossonero che, secondo quanto riferisce Calhanoglu, continua a lavorare al fianco di Montella per migliorare le cose. L'obiettivo stagionale è quello di centrare la qualificazione in Champions League: "Nello spogliatoio parliamo sempre delle varie situazioni di gioco. Abbiamo giocato bene in queste gare, a parte contro Lazio e Sampdoria. Ma quelle due partite ormai bisogna dimenticarle perché adesso dobbiamo focalizzarci soltanto sulla Roma e dare il 100%. Montella parla sempre con noi e ci motiva tutti i giorni. Sappiamo che dobbiamo lottare con il cuore ed essere sempre più squadra ogni giorno che passa. Condivido le sue scelte e la sua filosofia. Per la traduzione mi faccio dare una mano da Montolivo e Rodriguez, ma presto sarò in grado totalmente di comprendere tutto senza alcun aiuto. Obiettivo Champions? Siamo un gruppo che si sta formando poco alla volta. Ci stiamo conoscendo e andiamo avanti passo dopo passo. Ci proveremo fino alla fine, ma è presto per dirlo ora".

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail