Gol fantasma: sì della Fifa alla tecnologia, debutto nel mondiale per club

Ufficialmente autorizzate due imprese all’installazione di impianti in tutto il mondo: da dicembre addio ai gol fantasma, ma l’Uefa non ha ancora approvato.

di antonio

Svolta epocale nel calcio. La Fifa ha reso noto di aver ufficialmente autorizzato le ditte GoalRef e Hawk-Eye ad installare «in tutto il mondo» i loro sistemi di controllo della linea di porta (Glt) contro il gol fantasma. Il marchingegno consentirà ai direttori di gara e ai guardalinee di commettere meno errori marchiani, come nel caso di Inghilterra-Germania e del gol non concesso a Lampard, o come successe a Muntari in Milan – Juventus della scorsa stagione (uno degli episodi più discussi degli ultimi anni).

La Fifa precisa però che ciascun sistema dovrà essere testato negli stadi dove sarà installato prima di essere impiegato per partite ufficiali e che sarà necessaria un’ispezione finale per il controllo della funzionalità, condotta da un istituto indipendente. Solamente dopo il suo «via libera» l’apparecchio potrà entrare in funzione. Secondo i piani della Fifa, il debutto delle Glt dovrebbe avvenire al Mondiale per club in programma a dicembre.

I due sistemi approvati finora dalla Fifa sono stati realizzati da due diverse aziende, l’inglese Hawk-eye (Occhio di falco) e la danese GoalRef. In questo articolo si spiega il funzionamento dei due sistemi. Le tecnologie costano dal 150.000 ai 250.000 dollari per ogni stadio. Ora restano da convincere l’Uefa, Platini e anche…la Federazione Italiana. Blatter è un convinto sostenitore della tecnologia ed ha voluto che le gare di qualificazione al Mondiale si svolgano con il sistema tradizionale di un arbitro centrale, due assistenti e il quarto uomo, evitando di adottare il sistema dei cinque arbitri in campo approvato dall’International Board e già abbracciato dall’Uefa e dalla Federcalcio in Italia. Una chiara divergenza di vedute tra Fifa e Uefa che dovrà essere al più presto risolta.