Champions League, questa sera c’è Roma-Chelsea: tutto in una notte per i giallorossi

“Io non ho paura!” Sembra il titolo di un film e invece è lo slogan che riecheggia a Trigoria e dintorni. Ad intonarlo è il mister giallorosso Luciano Spalletti (qui l’intervista completa) che sta cercando di esorcizzare il momento horror della sua Roma, reduce da 5 sconfitte consecutive tra Campionato e Champions League e relegata

di



“Io non ho paura!” Sembra il titolo di un film e invece è lo slogan che riecheggia a Trigoria e dintorni. Ad intonarlo è il mister giallorosso Luciano Spalletti (qui l’intervista completa) che sta cercando di esorcizzare il momento horror della sua Roma, reduce da 5 sconfitte consecutive tra Campionato e Champions League e relegata nei bassi fondi della classifica della Serie A.

In Europa, i capitolini sono ancora ampiamente in corsa, nonostante due sconfitte in tre gare, quantomeno per il secondo posto. La qualificazione però passa dalla partita di stasera, la peggiore e allo stesso tempo la migliore. La peggiore perchè all’Olimpico scenderà in campo la squadra più forte del Gruppo A e una delle favorite alla vittoria finale, il Chelsea di Felipe Scolari. La migliore, perchè un successo in questa sfida, varrebbe doppio: tre punti probabilmente decisivi per proseguire in Coppa e un’iniziezione di linfa vitale per ripartire in Campionato.

Spalletti non rischia anche in caso di sconfitta, a mio modestissimo parere, per la semplice ma pragmatica ragione che la Roma non può permettersi di licenziarlo per poi mettere a libro paga un altro allenatore. A meno che, non si pensi ad una soluzione interna, stile Bruno Conti, ma non ne vale la pena: il mister toscano gode della stima del gruppo e ha già dimostrato il suo valore. Dalla crisi bisogna uscire insieme e il Chelsea capolista in Premier League, potrebbe essere il trampolino di lancio.

I Blues, nelle ultime quattro partite in campionato, hanno vinto due volte per 5-0 e una per 3-0, perdendo però in casa lo scontro diretto in casa contro il Liverpool. E’ un rullo compressore che ogni tanto si inceppa e, l’icerottata Roma di questi tempi, ha dimostrato nell’incontro di andata a Londra di sapergli tenere testa.

Servirà grande umiltà, determinazione, cattiveria agonistica, e consapevolezza della propria forza. I giallorossi sono gli stessi che negli ultimi anni sono riusciti, unici, a far soffrire l’inarrestabile Inter di Mancini, più qualche nuovo innesto. E’ vero, ci sono degli infortuni che non possono essere trascurati, ma non è possibile che quella squadra, che ha spesso giocato il miglior calcio d’Europa, sia svanita nel nulla.

In dubbio il capitano Francesco Totti, la cui presenza sarebbe fondamentale, non solo sul piano squisitamente tecnico, bensì anche per l’mpatto che riesce ad avere sui compagni di squadra. C’è comunque ottimismo: si farà il possibile per farlo scendere in campo. Stanno lavorando a parte anche Tonetto e Juan.

Il Chelsea ha vinto nove delle ultime undici trasferte, pareggiandone due. L’ultima sconfitta, risale ad Aprile contro il Fenerbahce. E’ giunta l’ora di interrompere questa serie. L’appuntamento è per questa sera, alle ore 20.45. Il teatro, lo Stadio Olimpico di Roma, caldo come non mai.

Le probabili formazioni:
Roma (4-2-3-1): 32 Doni, 2 Panucci, 4 Juan, 5 Mexes, 22 Tonetto, 16 De Rossi, 7 Pizarro, 11 Taddei, 20 Perrotta, 19 Baptista, 10 Totti. (25 Artur, 17 Riise, 3 Cicinho, 15 Loria, 33 Brighi, 9 Vucinic, 24 Menez). All.: Spalletti.
Chelsea (4-1-4-1): 1 Cech, 17 Bosingwa, 33 Alex, 26 Terry, 18 Bridge, 12 Mikel, 15 Malouda, 8 Lampard, 20 Deco, 10 Cole, 39 Anelka. (23 Cudicini, 2 Ivanovic, 19 Ferreira, 35 Belletti, 21 Kalou, 9 Di Santo, 11 Drogba). All.: Scolari.
Arbitro : Medina Cantalejo (Spa).

I Video di Calcioblog

Ultime notizie su Champions League

Tutto su Champions League →