Real Madrid-Juve 0-2: Del Piero incanta il Barnabeu


Alessandro Del Piero stende il Real Madrid con una doppietta memorabile: nel giorno in cui i libri di storia si sono dovuti necessariamente aggiornare con l'elezione di Barack Obama come Presidente degli Stati Uniti, la storia calcistica scrive l'ennesimo capitolo meraviglioso della carriera di uno dei più grandi "numero 10" del calcio italiano. Lui, il capitano bianconero, realizza una doppietta ai danni di Iker Casillas e del Real Madrid tutto, consentendo alla Juve di espugnare l'impianto madrileno come non succedeva da diversi anni; ma buona la prestazione di tutti i bianconeri, tonici e caparbi, capaci di annichilire le annacquate merengues, sciuponi sottoporta e talvolta non fortunatissimi con le decisioni arbitrali di Vink (Fotogallery - Video).

I padroni di casa perdono Robben nel riscaldamento, al suo posto l'evanescente Drenthe; per il resto Van Nistelrooy e Raul in avanti e Sneijder a loro supporto, con due interditori a centrocampo come Guti e Diarra a differenza della precedente partita a Torino. A sorpresa Marcelo a sinistra, con Heinze centrale di difesa insieme al solido Cannavaro. Ranieri conferma in toto l'11 che ha battuto la Roma, con la sola differenza di Mellberg a destra al posto dell'infortunato Grygera: come ovvio Del Piero e Amauri in avanti, con in cabina di regia il redivivo Tiago affianco a Sissoko.

La Juve non ha timori reverenziali e impone il suo gioco, puntando su un palleggio sempre preciso e senza isterismi; l'esigente pubblico madridista chiede di più ai propri beniamini che iniziano con un piglio discreto ma senza la cattiveria giusta. Così al primo vero affondo degli ospiti è subito Del Piero-show: Marchionni ruba palla a centrocampo e serve Del Piero che indisturbato percorre 30 metri palla al piede prima di scoccare un sinisto velenoso che si infila alla destra di Casillas. Linguaccia del capitano che ammutolisce così l'impianto della capitale spagnola. Il Real non ci sta e cerca il pari con tanti ghirigori non sempre preoccupanti per Manninger: le occasioni più pericolose capitano nel cuore dell'area piccola ma prima Sergio Ramos quindi Diarra non riescono a centrare il bersaglio sottomisura.

Nella ripresa le formazioni rimangono le stesse e sostanzialmente anche l'approccio alla gara delle due squadre: Juve guardinga e a tratti irreprensibile in difesa, merengues che attaccano con generosità ma non pungendo più di tanto. I giocatori blancos richiedono un paio di calci di rigori per un contatto Legrottaglie-Van Nistelrooy e per un fallo di mano dello stesso difensore pugliese, ma Vink non la pensa così; e dunque al 22° Del Piero mette il sigillo sul match: fallo al limite dell'area su Sissoko, batte Alex che con un tiro chirurgico lascia di sasso Casillas, ormai assillato dalle conclusioni dell'attaccante juventino dopo l'ennesimo gol subito. Dopo lo 0-2 i più s'aspettano una reazione rabbiosa dei padroni di casa, ma in realtà la Juve rimane spaventosamente solida.

Manninger fa sue un paio di palle alte e respinge due tiri velenosi, ma è ancora la Vecchia Signora ad andare vicinissima al terzo gol ancora con Del Piero che riceve l'assist di Iaquinta (entrato al posto di Amauri) e spara verso la porta avversaria col pallone che esce di pochi centimenti a Casillas battuto. Il Real è frastornato, i tifosi delusi, così l'intelligente Ranieri concede la standing ovation al capitano: prima di uscire al posto di De Ceglie il Bernabeu tutto si alza in piedi ad applaudire il "delantero italiano", 34 anni fra 3 giorni ma ancora incredibilmente forte. E' il trionfo della Juve, ad un passo dal primo posto del Gruppo H di Champions.

REAL MADRID-JUVENTUS 0-2 (0-1)
RETI: 17’ pt e 21’ st Del Piero.
REAL MADRID: Casillas 5; Sergio Ramos 5, Cannavaro 5.5, Heinze 5.5 (36’ st Saviola sv), Marcelo 5.5; Sneijder 4.5 (19’ st Higuain 5), Diarra 5.5, Guti 5.5; Raul 5, Van Nistelrooy 5.5 (36’ st Van der Vaart sv), Drenthe 5.5. A disposizione: Dudek, Michel Salgado, Javi Garcia. All. Schuster
JUVENTUS: Manninger 6; Mellberg 6.5, Legrottaglie 6.5, Chiellini 7, Molinaro 6.5; Marchionni 6, Sissoko 6.5, Tiago 6, Nedved 6; Del Piero 8 (47’ st De Ceglie sv), Amauri 6 (37’ st Iaquinta sv). A disposizione: Chimenti, Ariaudo, Rossi, Camoranesi, Giovinco. All. Ranieri
ARBITRO: Vink (Olanda) 6.
AMMONIZIONI: 28’ pt Sissoko, 30’ pt Drenthe, 34’ pt Legrottaglie, 5’ st Van Nistelrooy, 32’ st Mellberg.

Le migliori foto di Real Madrid-Juve

Le migliori foto di Real Madrid-Juve


Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve
Le migliori foto di Real Madrid-Juve












  • shares
  • Mail
87 commenti Aggiorna
Ordina: