Napoli, domani arriva il Chievo al San Paolo: la carica di Mazzarri

Dopo due sconfitte consecutive, il Napoli è pronto a tuffarsi nuovamente sul campionato ospitando il Chievo al San Paolo: le parole di Walter Mazzarri nella conferenza stampa della vigilia.

Dopo due sconfitte consecutive, entrambe brucianti, il Napoli è chiamato a rialzare la testa: il calendario propone il Chievo che arriverà domani al San Paolo con la credenziale di bestia nera dei partenopei per via delle ultime brillanti uscite dei clivensi contro i campani. Walter Mazzarri ha parlato oggi in conferenza stampa e non si è nascosto dietro l’usuale retorica, ci ha messo la faccia dopo le polemiche del tifosi in Ucraina e ha garantito rabbia e aggressività contro i veneti:

“Adesso voglio parlare solo del campionato e dico che contro i bianconeri abbiamo fatto una grande prestazione anche rispetto al recente passato. Il risultato ci ha dato torto, ma la sconfitta è arrivata. Sono convinto che domani i ragazzi daranno l’anima per superare il Chievo che è la nostra bestia nera. Dopo l’arrivo di Corini la squadra sta bene e penso solo a questo. La reazione dei tifosi? Non credo si possa strumentalizzare la reazione dei tifosi che hanno seguito la squadra in Europa League dopo una sconfitta e soprattutto dopo una trasferta di migliaia di chilometri. Anzi, faccio un appello per domani. Anche se il Chievo non è un club di blasone avremo bisogno del nostro pubblico per tutta la partita”.

Il tecnico di San Vincenzo è cosciente dei problemi in seno al club napoletano, appena sette giorni fa sulle ali dell’entusiasmo; i deferimenti di Grava e Cannavaro, gli schiaffi sul campo, la condizione di alcuni giocatori non fanno dormire certo sonni tranquilli a Mazzarri:

“Riguardo ai deferimento, prima di tutto voglio dire che ho fiducia nella Giustizia Sportiva e credo in Paolo e Gianluca. Sicuramente loro due daranno il loro contributo se li chiamerò in causa. Paolo sicuramente ci sarà. Rallentare la corsa del Napoli? Il Napoli in questa situazione è parte lesa. Non credo nelle penalizzazioni”.

Sui singoli:

“Mesto sta bene anche se è stato impiegato poco. Dossena può fare di più, è vero. Forse ha subito un po’ il contraccolpo del sorpasso nelle gerarchie da Zuniga. Forse dobbiamo tirarlo un po’ su. Maggio ha avuto delle prestazioni su un livello un po’ più basso, ma ha avuto anche gare più difficili e gli impegni con la Nazionale. Detto questo Maggio non si discute. Behrami? Ha giocato molto con noi e con la Svizzera. Spero di recuperarlo. Farà un provino oggi e domani mattina”.

Chiosa finale sulle palle inattive, in questo avvio di stagione tallone d’Achille della difesa azzurra:

“Quest’anno abbiamo sofferto meno rispetto allo scorso anno, ma le ultime partite dicono questo. I numeri parlano chiaro: siamo la seconda miglior difesa del campionato”.

Foto © Getty Images – Tutti i diritti riservati

Ultime notizie su Allenatori

Tutto su Allenatori →