Inter-Drogba: l’ivoriano vestirà il nerazzurro?

Crespo è ormai un ex, Balotelli non si sa che fine farà, Adriano fa le bizze e su Obinna nessuno è pronto a scommettere: della nutrita truppa di attaccanti, l’Inter si ritrova con due sole certezze, Ibrahimovic e Cruz. E per avvolarare il fatto che il club di via Durini è alla ricerca di un


Crespo è ormai un ex, Balotelli non si sa che fine farà, Adriano fa le bizze e su Obinna nessuno è pronto a scommettere: della nutrita truppa di attaccanti, l’Inter si ritrova con due sole certezze, Ibrahimovic e Cruz. E per avvolarare il fatto che il club di via Durini è alla ricerca di un bomber per il suo reparto avanzato, ecco che ieri Marco Branca è volato a Londra, destinazione Fulham Road in zona South Kensington per incontrare Didier Drogba e un suo rappresentante. Cena a quattro da Lucio’s, presente anche Jorge Mendes, il noto procuratore di José Mourinho: è un indizio che ancora non fa una prova, ma a ben vedere di tracce ce ne sono diverse.

Innanzitutto l’amore mai nascosto tra il possente ivoriano e l’eccentrico allenatore portoghese: ai tempi del Chelsea i due andavano d’amore e d’accordo e nell’undici titolare dei Blues Drogba era una pedina imprescindibile. Di contro non è mai nato un vero feeling col nuovo allenatore dei londinesi, cioè Felipe Scolari, che interrogato sulla questione ha nicchiato dicendo ai giornalisti di chiedere queste cose ad Abramovich. Sommando infine anche il momento poco felice del centravanti tra polveri bagnate e la squalifica per la monetina lanciata verso il pubblico, ecco che il risultato dell’equazione si avvicina molto ad un suo addio da Stamford Bridge.

Durante la conferenza stampa che come consuetudine anticipa la sfida di Champions (ricordiamo che stasera i nerazzurri sono impegnati contro il Panathinaikos), Mourinho si è sbilanciato frenando gli entusiasmi: “Non so dove fosse Branca, io ero a cena a Cernobbio. Non so assolutamente nulla di questa storia. So invece che Drogba è parte della storia del Chelsea e, da lontano, mi sembra che lui è e sarà un giocatore dei Blues“. Dopo il flop di Quaresma, fortemente voluto dallo Special One e incapace fino ad ora di lasciare una impronta visibile, non sarà certo Mourinho a fare pressioni sul magnanimo Moratti per un altro suo pupillo; ma di certo Drogba lo vorrebbe con sé molto volentieri.

I Video di Calcioblog