Reggina: esonerato Orlandi, arriva Pillon


Non è durata neanche un anno l'avventura di Nevio Orlandi sulla panchina della prima squadra della Reggina: aveva rilevato Ulivieri nel marzo scorso esordendo con uno scoppiettante 4-0 al Granillo ai danni del Siena (preludio di un'ottima salvezza), termina la sua avventura con uno 0-2 casalingo contro una Samp fino a domenica scorso mai vittoriosa lontana dal Marassi. Nonostante i 6 punti contro Udinese e Atalanta, fatale al tecnico cremonese il solo punto conquistato nelle ultime tre gare, coi calabresi penultimi in graduatoria in coabitazione col Torino.

Lillo Foti già ieri sera aveva fatto scendere sino a Reggio Calabria il trevigiano Bepi Pillon, consociuto per i brillanti risultati ottenuti in Veneto: in tre mandati sulla panchina proprio del Treviso, ma soprattutto artefice di uno strabiliante settimo posto col Chievo che, in seguito a Calciapoli, s'è trasformato in una insperata qualificazione in Champions League (clivensi eliminati dal Levski Sofia nei turni preliminari e dallo Sporting Braga in Uefa). Libero da vincoli contrattuali, Pillon già ieri sera era andato a letto sicuro di allenare la Reggina: oggi l'ufficialità, alle 14 presentazione presso il Centro Sant'Agata con annessa conferenza stampa.

La Reggina, come spesso sta accadendo in questi ultimi anni, è una delle indiziate maggiori a scendere di categoria; in un modo o nell'altro, però, gli amaranto raggiungono a fine stagione la salvezza: quest'anno i limiti evidenti sono in difesa (32 gol subiti e peggior difesa della Serie A), con un reparto offensivo che fa quel che può (buon avvio di stagione di Corradi, ma preziosi anche i fantasisti Cozza e Brienza). Di certo a gennaio Foti tornerà sul mercato per rinforzare la rosa, intanto il primo tassello è stato messo con l'ingaggio di questo allenatore 52enne.

  • shares
  • Mail