Arvedi e Ogbonna fuori strada: Natale amaro a Verona e Torino

Tre anni fa furono amare, amarissime, le vacanze di Natale per il giocatore del Vicenza Julio Gonzalez: alle prime luci dell’alba del 22 dicembre andò a finire con la sua auto sotto un tir, riportando fratture multiple soprattutto a un braccio (che poi gli fu amputato). Queste feste di fine 2008 saranno da ricordare in


Tre anni fa furono amare, amarissime, le vacanze di Natale per il giocatore del Vicenza Julio Gonzalez: alle prime luci dell’alba del 22 dicembre andò a finire con la sua auto sotto un tir, riportando fratture multiple soprattutto a un braccio (che poi gli fu amputato). Queste feste di fine 2008 saranno da ricordare in negativo per due protagonisti del nostro calcio anche se in un caso la situazione è particolarmente grave e non comparabile con l’altro: Pietro Arvedi, infatti, patron 79enne del Verona è attualmente in coma a Mantova dopo esser stato tamponato con forza sull’Autobrennero. Di ritorno dalla trasferta dell’Hellas a Cesena, il conte proprietario degli scaligeri s’era fermato con le 4 frecce sulla corsia d’emergenza dell’autostrada perché la sua Mercedes era rimasta a secco di benzina.

Non si sa precisamente come, ma di fatto un’altra vettura ha tamponato quella di Arvedi che ha riportato un importante trauma cranico: le sue condizioni sono molto serie, è attualmente in stato comatoso nel reparto di rianimazione dell’ospedale Carlo Poma di Mantova. Il conte di recente stava trovando acquirenti per cedere il Verona, attualmente in rosso di 4 milioni di euro. E nell’ospedale di Orbassano si trova il ventenne giocatore del Torino Angelo Ogbonna: ieri era in campo coi granata contro il Napoli, prendendo 5.5 nelle pagelle della Gazzetta. Alle 5 di questa mattina ha perso il controllo della sua Smart alle porte di Torino facendo un volo di 4 metri.

Il giovane difensore è finito in un torrente, il Sangone, non eccessivamente colmo d’acqua; subito allertati forze dell’ordine e pompieri, il ragazzo di Cassino è stato estratto dal piccolo abitacolo con un forte trauma toracico e una spalla rotta. Insomma, due dinamiche diverse, due persone agli antipodi: fatto sta che ancora una volta la vigilia delle feste natalizie è deleteria per i protagonisti del nostro calcio. Sia al conte Arvedi che a Angelo Ogbonna l’augurio è di una pronta e completa guarigione.

I Video di Calcioblog