San Siro vibra e cadono calcinacci: ora i tifosi hanno paura

Ci sono state oscillazioni sia in Inter-Atalanta, sia in Inter-Juventus.

San Siro vibra oscillazioni e caduta calcinacci

Ora i tifosi milanesi cominciano a preoccuparsi: San Siro vibra troppo, più del solito, quanto basta per costringere alcuni spettatori ad andare via prima della fine della partita e per vedere qualche calcinaccio cadere e qualche crepa aprirsi.

In particolare, si sono avvertite distintamente delle oscillazioni anomale il 7 aprile, durante Inter-Atalanta, e poi di nuovo il 29 aprile, durante Inter-Juventus. Sempre durante il derby d'Italia ci sono state anche cadute di calcinacci da una colonna ed è stata notata una crepa in una balaustra del secondo anello della Curva Nord.

Per ora Inter e Milan provano a mantenere la calma assicurando (ma solo in via informale) che la situazione è sotto controllo e che non ci sono reali pericoli, si tratta solo di vibrazioni fisiologiche e il terzo anello è stato chiuso solamente per questioni riguardanti i costi di gestione e non problemi di sicurezza.

I tifosi, però, sono convinti che queste oscillazioni non siano normali e che la situazione stia degenerando, infatti alcuni preferiscono andarsene prima. Soprattutto quando si salta in curva ci sono delle oscillazioni che partono dal terzo anello e si ripercuotono anche sui settori inferiori. Ha tremato anche il carrello di un venditore ambulante. E quando sono caduti i calcinacci sono dovuti intervenire i Vigili del Fuoco. Già questo basta per spaventare gli spettatori.

Inoltre non sono in pochi a preoccuparsi del fatto che, visto che Milan e Inter pensano a un nuovo stadio, forse stiano trascurando il Meazza. E quando finirà il campionato arriverà al stagione dei concerti estivi che tra pubblico scatenato e decibel della musica potrebbe portare nuovi danni a questa struttura già così compromessa.

L'ingegnere strutturista Gian Michele Calvi, incaricato dal Comune di Milano di analizzare le vibrazioni dopo Inter-Atalanta, aveva anche proposto di modificare il calendario di eventi che è un po' troppo fitto. Sarà ascoltato?

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail