Fuller dello Stoke City espulso per una sberla al suo capitano



Succede in Inghilterra, a sole 48 ore dalle precedenti partite: Ricardo Fuller, numero 10 giamaicano dello Stoke City (squadra penultima in classifica di cui è il capocannoniere con 6 centri) schiaffeggia il suo capitano, il 29enne brizzolato Andy Griffin, e viene spedito anzitempo sotto la doccia dal bravo arbitro Michael Jones. Ma andiamo con ordine: lo Stoke era arrivato ad Upton Park dopo la sconfitta in extremis in casa contro il Manchester United; contro il West Ham di Gianfranco Zola i biancorossi allenati da Tony Pulis cercavano il risultato per tirarsi fuori dalle sabbie mobili della graduatoria inglese. E la partita s'era messa pure bene, con lo Stoke in vantaggio dopo pochissimi minuti con l'incornata vincente di Faye.

Sterile assedio degli Hammers, buona tenuta degli ospiti, qualche fallo di troppo sul finire di tempo, quindi tutti negli spogliatoi. Nella ripresa i padroni di casa ripartono a testa bassa e dopo una decina di minuti trovano il pari con Carlton Cole, bravissimo a girarsi in area e a infilare Sorensen. Alla bravura del centravanti inglese ha fatto da contraltare la goffa opposizione di Andy Griffin, abbastanza responsabile dunque del gol del West Ham. Con la palla a centrocampo per riprendere il gioco il diverbio tra lo stesso Griffin e Fuller, col giamaicano che rifila uno schiaffone al suo capitano: tutti i giocatori dello Stoke corrono verso Fuller e lo bloccano, Griffin è pietrificato, l'arbitro Jones estrae il rosso: solo 6 partite in Premier ma già tanta personalità per questo fischietto inglese.

Il coach degli ospiti, Pulis, è esterrefatto; Griffin non pare ripigliarsi e viene dopo poco sostituito, mostrando in viso una specie di trance agonistica mista a delusione. La squadra si sgretola, Di Michele e soci spingono con costanza alla ricerca del vantaggio che arriva nel finale grazie al redivivo Diego Tristan: l'ex Livorno si trova sulla traiettoria del tiro sferrato ancora da Cole e beffa così il portiere avversario siglando così il suo primo gol in Premier. E' gioia Zola, ma pesa la condotta assurda di Fuller. Che non è stato l'unico a fare cose del genere: Dyer e Bowyer vennero entrambi espulsi 3 anni fa quando giocavano insieme col Newcastle dopo una mini-rissa tra di loro in campo, stessa sorte toccò a Bia dell'Udinese 12 anni or sono per spinte ai danni di Rossitto, suo compagno. Newcastle, Udinese e Stoke City: tutte e tre alla fine hanno perso.

  • shares
  • Mail
5 commenti Aggiorna
Ordina: