Insulti razzisti a Balotelli, il Verona se la caverà con una multa | Lui: "Però vi piaceva quando facevo gol con l’Italia"


Continua a tenere banco il caso degli insulti razzisti subiti da Mario Balotelli durante Hellas Verona-Brescia. Secondo quanto trapela da ambienti federali, il club veneto sarà sanzionato al massimo con un’ammenda. Nonostante cori e insulti nei confronti del centravanti bresciano si siano uditi chiaramente e l’arbitro sia stato costretto ad invitare lo speaker del Bentegodi a fare un appello ai tifosi, l’ispettore federale piazzato sotto il settore degli ultrà veronesi ha minimizzato tutto nel suo rapporto.

“Erano solo una quindicina, oltretutto dal resto della curva è partito anche qualche applauso per Balotelli”, sarebbero le parole riportate dal rappresentante della Procura Federale di Giuseppe Pecoraro. Un rapporto che quindi andrà a ridimensionare l’accaduto e consentirà all’Hellas di cavarsela sena gravi conseguenze. L’articolo 28 del Codice di Giustizia sportiva, infatti, parla chiaro: la gravità degli insulti e dei cori razzisti varia in base al “volume” e dal numero delle persone che li pronunciano.

A meno di clamorose sorprese, dunque, in sede di Giudice Sportivo, il Verona se la caverà con una multa e il caso Balotelli si sgonfierà. Il centravanti del Brescia si è infatti fermato dopo aver subito a lungo insulti razzisti, lanciando il pallone verso il settore dei tifosi veronesi e cercando di lasciare il terreno di gioco. Insulti uditi da tutti, ma che però sarebbero partiti da un numero di persone talmente esiguo da giustificare una sanzione pesante nei confronti del club di casa. Tanto clamore per nulla, insomma, erano solo pochi cretini. La chiudiamo così?

Lo sfogo social di Balotelli

Su Instagram Mario Balotelli si sfoga così dopo l’increscioso episodio di Verona e le dichiarazioni di oggi del capo ultra dell'Hellas Luca Castellini. "Qua amici miei non c'entra più il calcio, state facendo riferimento a situazioni sociali e storiche più grandi di voi, piccoli esseri. Qua state impazzendo ignoranti... Siete la rovina. Però quando Mario faceva e vi garantisco farà ancora gol per l'Italia vi stava bene vero? Le persone così vanno 'radiate' dalla società, non solo dal calcio. Basta mandare giù ora, basta lasciare stare".

A Radio Cafè Castellini ha detto stamattina che "Balotelli secondo me è italiano perché ha la cittadinanza italiana ma non potrà mai essere del tutto italiano". Riferendosi alla protesta del calciatore seguita agli insulti razzisti, l'ultrà ha aggiunto: "È stato spinto da qualcuno o qualcosa a fare quella pagliacciata... Un negro? Certo, ci sono problemi? La commissione Segre mi viene a suonare al campanello se dico negro?". Anche il presidente del Verona Maurizio Setti sembra voler sminuire l’accaduto: secondo il patron gli ultra veronesi "hanno un modo di fare simpatico di prendere in giro la gente ma il razzismo non esiste".

insulti balotelli isptettori federali

© Foto Getty Images - Tutti i diritti riservati

  • shares
  • Mail