Milito ancora fuori, cosa ha il Principe del Genoa?

Ufficialmente è una infiammazione al retto addominale, alcuni asseriscono sia una classica (quanto fastidiosa) pubalgia: non è noto quando Diego Milito tornerà a disposizione di Gasperini, il tecnico del Genoa che con l’argentino fino ad ora ha ottenuto un ottimo sesto posto in classifica. Contro il Chievo il capocannoniere del campionato dovette stare fermo ai


Ufficialmente è una infiammazione al retto addominale, alcuni asseriscono sia una classica (quanto fastidiosa) pubalgia: non è noto quando Diego Milito tornerà a disposizione di Gasperini, il tecnico del Genoa che con l’argentino fino ad ora ha ottenuto un ottimo sesto posto in classifica. Contro il Chievo il capocannoniere del campionato dovette stare fermo ai box e, a dirla tutta, anche nel derby giocò con tanto di infiltrazioni: indispensabile fino al midollo, il bomber rossoblu pare debba stare ancora a guardare il suo Genoa giocare contro Torino, Inter e Lecce.

Partito per la calda Argentina per le vacanze natalizie, l’attaccante genoano doveva svolgere un piano di recupero a Bernal. Tutti erano ottimisti, lui compreso, ma il dolore non si è attenuato, anzi. L’amichevole contro il Livorno di Spinelli è saltata (per lui) senza troppo clamore, ma ora i prossimi impegni ufficiali dei liguri senza il suo centravanti “principe” sono una notizia che non fa dormire sonni tranquilli ai tifosi del Grifone. Dunque toccherà al match-winner di Verona, l’ex juventino Olivera, guidare l’attacco genoano nelle prossime uscite del Genoa.

Non che il Pollo uruguaiano non sia in grado di piazzare la stoccata vincente, ma di certo le sorti genoane sono legati con doppi nodi allo stato di forma di Diego Milito, più che un attaccante per i tifosi rossoblu. Nei prossimi giorni se ne saprà di più, di certo allo stato attuale delle cose (pubalgia o infiammazione al retto addominale fa lo stesso) la sua assenza pesa come un macigno.