Balotelli personaggio copertina del Time: "In Italia pochi razzisti stupidi"

Non capita tutti i giorni di essere immortalati sulla copertina di uno dei settimanali di informazione più autorevoli e prestigiosi del mondo. Un riconoscimento concesso a Lionel Messi e Diego Armando Maradona, tanto per citare due tra i calciatori più famosi del mondo, ma non ad un altro mostro sacro come Cristiano Ronaldo. Insomma, Mario Balotelli è uno dei pochi atleti italiani a comparire in copertina sul Time. Più per la sua indole ribelle e spigolosa, per il fatto di essere un "personaggio" particolare, crediamo, che per il valore di calciatore. Attenzione, non è uno sminuimento. Balotelli è un grandissimo atleta, un attaccante al di sopra della media, ma non è un delitto sostenere che all'ex interista manca ancora un gradino per entrare nel gotha formato da quei calciatori denominati campioni.

E infatti il Time sceglie di studiare a fondo la persona Balotelli più che il calciatore. Nato e cresciuto in Italia, adottato da genitori italiani quando nel paese si dava inizio in maniera massiccia ad un nuovo processo di multiculturalismo, la storia di Balotelli costituisce un esempio per tanti suoi coetanei, un simbolo di una nazione profondamente cambiata in 20 anni. Balotelli non è un tipo che ama farsi amare in campo e dai tifosi e le sue reazioni, a volte incomprensibili e altre volte stizzite, hanno spesso generato antipatia. E poi c'è il razzismo, quello vero, di poche persone, come afferma l'attaccante del City.

Il sogno di Balotelli è quello di diventare cittadino di un'Italia che somigli, per integrazione e rispetto dei diritti, all'Inghilterra e agli Stati Uniti (anche se forse per quest'ultimo paese ci sarebbero da approfondire alcuni aspetti non proprio positivi su questo tema). Già, gli Stati Uniti. Un paese governato da Obama, un presidente a cui Balotelli vorrebbe stringere la mano:

L'elezione di Obama è una cosa che ha cambiato la storia, sono stato molto felice. Sì, mi piacerebbe incontrarlo. Il razzismo in Italia? Non puoi farci niente contro quei pochi stupidi razzisti che ci sono in Italia. Spero di poter aiutare l'Italia a essere un paese moderno, come l'Inghilterra, come gli Stati Uniti.

Why always me? Molti ricorderanno la frase impressa sulla maglietta di Balotelli, in risposta alle critiche della stampa: "Perché quella maglietta “Why always me?” dopo aver segnato nel derby contro lo United? Semplice, perché in quel periodo tutte le persone parlavano solo di me.

Volevo solo dire "Lasciatemi in pace". I migliori tre gol della mia carriera? Contro il Rubin Kazan in Champions League con la maglia dell'Inter, con la Germania all'ultimo Europeo e poi il mio primo gol contro lo United con la maglia del City.

E l'immagine più dolce, l'abbraccio della mamma durante gli Europei:

Ero felice per lei, la volevo lì e sono stato contento che i miei genitori erano lì a tifare per me. Mia madre non voleva diventassi un calciatore, voleva facessi altri sport ma in me ha sempre creduto e non mi ha mai messo pressione. Mi ha sempre fatto fare ciò che più desideravo.

Il ritorno in Italia? Per ora Balo non ci pensa. E l'attacco alla stampa inglese:

Per adesso voglio restare al City, poi in futuro cambierò squadra perchè non voglio stare tutta la vita qui. Quando finirò di giocare al football, spero di farlo da migliore del mondo. Personalmente non ho problemi con i giornalisti dei tabloid, piuttosto penso che loro abbiano qualcosa contro di me. Scrivono tante falsità, ma questa cosa non mi dà fastidio. Diverso è il discorso se invadono le mura domestiche, questo non va bene, perchè quello è un posto privato e allora mi arrabbio. Se mi seguono i paparazzi in giro per l'Europa non è un problema perché so che quello è il loro lavoro. Però quando invadono la privacy di casa mia, allora mi mancano di rispetto e mi ribello.

Come sarà il Balotelli padre?

Penso che mio figlio avrà bisogno di una madre che sappia dire di no. Forse perché da piccolo ho sofferto molto. Quindi gli vorrò così tanto bene che non saprò dirgli di no.

  • shares
  • Mail
6 commenti Aggiorna
Ordina: