Ferrara al tifoso che contesta: "Sei qui solo perché c'è la tv" | Video

Evidentemente a Genova, sponda Sampdoria, è una consuetudine contestare pubblicamente e davanti alle telecamere l'allenatore. Accadde ad Alberto Cavasin prima dell’allenamento a Bogliasco, quando un gruppo di ultras lo prese di mira per i risultati deludenti (i blucerchiati retrocessero qualche settimana dopo), è accaduto a Ciro Ferrara qualche ora fa. Per fortuna, stavolta, il diverbio è stato sicuramente meno spigoloso e l'attuale allenatore della Samp ha preferito non continuare dopo un veloce scambio di battute.

Secondo me ti devi dimettere”, gli ha consigliato il tifoso all'uscita del campo di allenamento. Ferrara ha risposto per le rime dopo aver visto le telecamere di Telenord: “Vieni qui solo perché c’è la televisione, vuoi farti riprendere dalle telecamere". Ferrara ha comunque minimizzato il dialogo con il tifoso:

"Evidentemente tra me e quel tifoso non c'è simpatia. Non è comunque successo nulla di grave, non ho avuto nessuna reazione scomposta, nè tanto meno ho intimato all'operatore presente di chiudere la telecamera. Era la seconda volta che il signore veniva ad urlare determinate cose. Io gli ho anche dato la mano, ma non ritengo di dover parlare con chi fino a poco prima mi aveva contestato. Ho massimo rispetto per la tifoseria ed esigo altrettanto. E voglio circoscrivere e chiudere qui questo argomento".

La Sampdoria ha raccolto cinque sconfitte consecutive dopo un buon inizio di campionato in cui ha mostrato cose positive, oltre ai risultati. Dieci punti in classifica non sono moltissimi, ma non bisogna tralasciare un aspetto importante che riguarda i blucerchiati, quello del primo anno in Serie A dopo una stagione di purgatorio in serie cadetta. Domani al Luigi Ferraris è di scena Sampdoria - Atalanta: è una partita in cui Ferrara rischia seriamente l'esonero in caso di sconfitta.

  • shares
  • Mail